Cerca

Contravvenzioni

La multa via Twitter: le soffiate ai vigili arrivano con un cinguettio

La multa via Twitter: le soffiate ai vigili arrivano con un cinguettio

A Roma può capitare di prendersi una multa via twitter. Attraverso il social network, cittadini delatori segnalano alla polizia municipale le soste selvagge, le infrazioni dei bar, gli insediamenti abusivi. E' come se il corpo dei vigili, a Roma, avesse al suo servizio un esercito di straordinarie spie. E' proprio la Capitale la città dove il nuovo fenomeno delle multe 2.0, delle sanzioni social, sta esplodendo. Nove mesi fa il profilo Polizia Roma Capitale è comparso su Twitter. All'inizio erano solo cinguettii quasi da Cciss Viaggiare Informati. Pian piano la pagina è stata sempre più seguita, e ora le segnalazioni raggiungono una media di sette all'ora, con una ventina di interventi al giorno delle pattuglie grazie alle denunce della spietata community: la media è di quattrocento multe al mese firmate grazie alle soffiate dei cittadini "pigolanti".

"Lo scriva su twitter" - Le auto sfrecciano sulla pista ciclabile lungo il Tevere durante le partite della Roma? "Lo scriva su Twitter, non lo dica a noi", rispondono i caschi bianchi a piazza Maresciallo Giardino. In effetti la percentuale di successo delle segnalazioni twittate è molto alta. Il servizio di ascolto social è attivo dalle 9 alle 18. Vietatissimo pubblicare foto in cui si possono leggere le targhe delle automobili (vengono subito eliminate dal Grande Fratello Vigile che coordina i tweet).

Non solo Roma - Come Roma, anche altre polizie municipali si stanno attrezzando. All'indirizzo @PalermoPm, Polizia Municipale PA, sono riportate notizie di viabilità molto accurate, ma manca l'interazione con i cittadini. Anche a Cesenatico i vigili cinguettano. Sulla pagina Polizia Municipale To si stanno affacciando anche i cittadini. Pagine Twitter sono state aperte anche dalle polizie locali di Ciampino, di Paderno Dugnano e di Grosseto.

Precisi e senza pietà - Ma resta Roma la città che trionfa nelle denunce-tweet. Tutte alla luce del sole. I cittadini sono invitati ad essere molto precisi: @Fajelamulta twitta "Via Manin sarebbe area pedonale!". Risposta: ""Specifici i civici grazie". Devono guardarsi dai vigili invisibili anche i titolari di bar e ristoranti: anche per chi sgarra con il posizionamento di sedie e tavolini, non c'è nessuna pietà.

@ce_rigoni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • flikdue

    29 Settembre 2014 - 09:09

    L'incivilta, la maleducazione ed il menefreghismo impera e và sanzionato, ma i Vigili vadano a guadagnarsi lo stipendio in strada !!!!

    Report

    Rispondi

  • pinare

    26 Settembre 2014 - 10:10

    DELAZIONE? POPOLO INCIVILE - LA POLIZIA LOCALE E' PAGATA PER SVOLGERE LE PROPRIE MANSIONI, MA IN GIRO SI VEDONO QUASI MAI........AL BAR FORSE. I CITTADINI INVECE DI CINGUETTARE A DANNO DEL PROSSIMO, SI FACESSERO I C...I LORO, SPECIALMENTE IN QUESTO PERIODO DI CRISI ECONOMICA SENZA FAR INGRASSARE LE CASSE DEL COMUNE DI APPARTENENZA. I COMUNI AVESSERO IL PUDORE DI PUBBLICARE DOVE VANNO A FINIRE.....

    Report

    Rispondi

    • Irene88

      26 Settembre 2014 - 11:11

      Tipico pensiero da italiano (o sarebbe meglio dire: terrone) che crede che se non ci sono le guardie la legge non vada rispettata. Volesse madre natura che affermazioni di questo genere fossero punibili con il carcere duro.

      Report

      Rispondi

  • Gios78

    25 Settembre 2014 - 17:05

    Vista l'inciviltà di molti, mi sembra una buona idea

    Report

    Rispondi

    • cabass

      26 Settembre 2014 - 07:07

      È vero che ci sono troppi incivili, ma questo è un metodo da DDR!

      Report

      Rispondi

blog