Cerca

Confessione

Concordia, parla Dominca: "Un elicottero portò via un oggetto dalla nave"

Concordia, parla Dominca: "Un elicottero portò via un oggetto dalla nave"

La vicenda della Costa Concordia e la presunta fuga del comandante Francesco Schettino si tinge ancora di giallo. Dopo le minacce, parla Dominca Certoman, la donna moldava che era in compagnia di Schettino al momento dell'urto con lo scoglio del Giglio. In un'intervista a Mattino Cinque la ragazza ha parlato di quella notte e delle fasi concitate che seguirono l'impatto col Giglio. "Un elicottero si avvicinò alla Concordia che stava affondando e avrebbe prelevato un oggetto. Non l'ho visto personalmente, ma me lo ha detto chi aveva il contatto diretto con l'elicottero", afferma in tv. Insomma per la moldava l'elicottero sarebbe dunque arrivato per prelevare "qualcosa" e sarebbe stato inviato da Costa. 

Il racconto - La donna ha anche riferito che Francesco Schettino condusse sul Ponte 11 lei e Ciro Onorato, fratello dell'allora direttore generale del gruppo Costa, mentre la nave stava affondando. "Questo non è stato un incidente di bicicletta, ma di una grande nave", ci sono più "persone responsabili", dice la Cemortan. In particolare "questa persona sarebbe un primo ufficiale, dopo il capitano: al momento dell'impatto lui lavora col capitano. Dopo questo momento, non l'ho visto più sul ponte, io non so dove" fosse andato "perché quando il capitano dice di abbandonare la nave, lui non c'è più".

I dubbi - "Voglio anche dire - aggiunge - che questa persona oggi lavora in Costa e il suo grado è più". "Vuol dire che è stato promosso?", le viene chiesto. "Sì" e "come può essere promosso una persona che è stata responsabile col capitano, la persona dopo il capitano, il primo ufficiale. Non posso capire, per me non è normale". Ad ogni modo, aggiunge la moldava, "questa persona non è stata sentita in aula, non l'ho vista. Io ho visto il procuratore, io ho visto le persone sentite dopo di me. Penso che sia stato ascoltato, ma non in aula".

Le domande - "Sono stata chiamata dalla compagnia" Costa Crociere "per parlare con loro, in ufficio. C'erano molte persone, avvocati e ufficiali. Mi hanno chiesto cosa avessi visto" la sera del naufragio al Giglio. Nessuno, nell'inchiesta e al processo, le ha mai chiesto qualcosa in proposito all'oggetto misterioso che, a suo dire, sarebbe stato prelevato dalla Concordia che affondava.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    02 Ottobre 2014 - 11:11

    Quella e' moldava e per costruirsi una carriera e fare soldi venderebbe sua madre.Se sapeva,perche' parla adesso e non prima?

    Report

    Rispondi

  • cabass

    02 Ottobre 2014 - 10:10

    E basta con 'sti luoghi comuni sui napoletani! Sarà anche vero che molti sono ca##oni, Schettino in primis, ma provate un attimo a immaginare come si sentono quelli che non lo sono a leggere questi commenti... Eh, sì, perché esistono anche napoletani "normali", per chi non lo sapesse, e non meritano di essere costantemente derisi per colpa di altri.

    Report

    Rispondi

  • sgnacalapata

    02 Ottobre 2014 - 08:08

    Schettino non mi è simpatico, lo ritengo una persona vile che ha contribuito a declassare il nome dell'Italia e degli italiani, ma questa, quanto l'hanno pagata per affermare queste "verità"? Se avesse richiesto o avuto notizia di un elicottero, ci sarebbero i tabulati delle conversazioni a dichiararle.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    02 Ottobre 2014 - 05:05

    Bravo. É quanto mai vero ciò che scrive. E molti di noi sanno quanto corrisponda alla verità. Tanti meno il lottotipremia che deve avere le origini identiche a Schettino, e lo si capisce dal nick che cita il Lotto: tutti i napoletani non amano lavorare, ma fare fortuna senza fatiche e subito, coi vari giochi statali, tipo Lotto, appunto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog