Cerca

La resistenza di Giggino

Napoli, Luigi De Magistris sospeso: "Non mi dimetto" e punta alla prescrizione. Pizzino: "Napolitano era indagato"

Napoli, Luigi De Magistris sospeso: "Non mi dimetto" e punta alla prescrizione. Pizzino: "Napolitano era indagato"

Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris non molla la poltrona e anzi inizia la sua "resistenza", con tanto di offensiva al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Mercoledì la decisione del prefetto di Napoli di sospendere, come da legge Severino, il sindaco condannato a un anno e tre mesi per abuso d'ufficio in primo grado per gli abusi commessi da pm durante il processo Why Not, con le intercettazioni non autorizzate effettuate da Gioacchino Genchi al premier Romano Prodi e al ministro della Giustizia Clemente Mastella. Ma De Magistris, in sprezzo alle toghe sue ex colleghe, tiene duro: "Non mi dimetto, farò il sindaco in strada". E a chi gli chiede della sentenza replica con un "Se la vedete, salutatemela" che sa tanto di sfottò.

Il "pizzino" per Napolitano - E sa invece di pizzino la notizia filtrata sempre mercoledì sera su un precedente con Napolitano (che, ironia del destino, proprio in queste ore è a Napoli per il board delle Piccole e medie imprese e che non incontrerà il sindaco). Il presidente 20 anni fa finì sul registro degli indagati della Procura di Napoli durante il periodo di Tangentopoli quando ricopriva l'incarico di presidente della Camera. A dar conto di quella iscrizione, secretata dai pm partenopei che poi disposero l'archiviazione del procedimento non avendo trovato riscontro alle dichiarazioni di un imprenditore, è stato il 9 maggio scorso proprio il sindaco di Napoli (ex?) in una udienza dello stesso processo Why not. "Io ritenni di secretare - aveva detto al Tribunale di Roma De Magistris spiegando come aveva gestito quella inchiesta quando era pm a Catanzaro - poiché avevo elementi per ritenere, come poi si è dimostrato successivamente, i collegamenti strettissimi tra gli altri di Pittelli con il procuratore della Repubblica, tanto da fare una società col figlio del procuratore. Atto sicuramente forte, mi sono posto il problema se potessi secretarlo, mi sono anche consultato, c'era stato un precedente alla procura della Repubblica di Napoli dove il mio magistrato affidatario, il dottore Cantelmo, oggi procuratore della Repubblica, e un altro magistrato oggi componente d’esame, Quatrano, mi dissero che anche loro durante l'inchiesta di Tangentopoli procedettero a secretare una iscrizione, in particolare dell'allora presidente della Camera Giorgio Napolitano e secretarono per evitare che ci potesse stare una fuga di notizie". Fuga di notizie che invece c'è stata ieri. D'altronde, era stato lo stesso De Magistris ad annunciare qualche giorno fa la sua vendetta: "Renderò noti i verbali delle mie deposizioni". 

La carta prescrizione - Anche a causa di queste rese dei conti, a Napoli si apre uno scenario caotico. Al posto di De Magistris prenderà le redini della città il suo vice Tommaso Sodano, ex senatore di Rifondazione comunista. Il 12 ottobre si procederà regolarmente al voto per la Città metropolitana ma nel frattempo De Magistris non starà a guardare: farà ricorso al Tar contro la sua sospensione e confida nella prescrizione che probabilmente arriverà nella primavera 2015. Niente male, per un uomo di legge.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ego1

    02 Ottobre 2014 - 19:07

    Paese sudamericano il nostro, con scandaloso inciucio tra quella parte di magistratura che conta e la sinistra.

    Report

    Rispondi

  • willyroger

    02 Ottobre 2014 - 16:04

    il primo falso è re giogio, ma nessuno lo dice, sono i poteri forti

    Report

    Rispondi

  • fossog

    02 Ottobre 2014 - 15:03

    non mi si racconti che gli Impiegati Statali della Giustizia sono Migliori degli statali in genere, una razza che nel complesso ben conosciamo, e subiamo, da decenni. Che i Giudici abbiano una Laurea in Legge Non vuol dire siano ''Morali o Onesti'', vero ? le lauree in legge sono inflazionate e, ''tra i delinquenti laureati'', i disonesti più Numerosi sono proprio quelli Laureati in Legge.

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    02 Ottobre 2014 - 15:03

    Se ciò è vero sarebbe meglio sollevarlo dall'incarico e non semplicemente sospenderlo. La vecchia nomenclatura maneggia la giustizia come le pare e piace. Mi dai fastidio perché sei destra? Indagini a non finire con processi d'arlecchino. Sei comunista? Segretiamo tutte le carte che nessuno deve scoprirlo. Sappiamo che ci sono e ci saranno imbrogli per questo vanno cacciati tutti vero re G.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog