Cerca

La svolta

Delitto Garlasco, la perizia sulle unghie di Chiara Poggi: "Trovate tracce di due uomini"

Delitto Garlasco, la perizia sulle unghie di Chiara Poggi: "Trovate tracce di due uomini"

Colpo di scena nel delitto di Garlasco. La perizia sulle unghie di Chiara Poggi, chiesta dall'accusa, ha dato un risultato inaspettato: non solo il cromosoma Y non è di Alberto Stasi, ma ce ne sono addirittura due. Due uomini hanno dunque avvicinato Chiara Poggi nelle sue ultime ore di vita. I risultati sono scientifici e si traggono dalle tabelle della perizia realizzata all'Università di Genova che Settimanale Giallo ha visto in anteprima. Ora è giallo sull'identità di questi due uomini. Chi sono questi uomini? E perché non si sono mai fatti avanti per dire di aver avuto un qualche tipo di contatto con Chiara? Domande che ancora non hanno trovato una risposta. A svelare il retroscena sul delitto è il settimanale Giallo. 

La perizia - Nel 2007 le unghie di Chiara erano già state esaminate: tutte, tranne quella del mignolo della mano destra, erano state “ripulite” con uno speciale cotton fioc. Il materiale raccolto era stato analizzato e il risultato era stato sconfortante: sotto le unghie c’era solo il Dna di Chiara. Ora invece il laboratorio di Genova ha proceduto a un esame diverso: ha “sciolto” in una soluzione le unghie e ha cercato dentro questa soluzione solo Dna maschile. Poi gli scienziati hanno chiesto ad Alberto Stasi il suo Dna, e lui si è sottoposto al prelievo spontaneamente. L’idea dell’accusa era quella di confrontare i due profili, in modo da poter attribuire ad Alberto il cromosoma Y che si fosse nel caso trovato. 

Il parere della biologa - Se le tracce trovate sotto le unghie non sono di Stasi, di chi sono, allora? E quanti sono? "Guardando le tabelle della perizia - spiega Marina Baldi, biologa e specialista in Genetica medica, luminare di grande fama, che ha guardato per Giallo i risultati scientifici - si può dire che sono stati individuati dei profili misti. Profilo misto significa depositato da più persone, in questo caso da più uomini, perché l’analisi è specifica del cromosoma y".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino.vaccara

    17 Ottobre 2014 - 14:02

    La prima cosa che fa un investigatore serio in caso di morte violenta di una ragazza è controllare le frequentazioni di questa ragazza nei giorni e mesi precedenti al delitto. Si è fatto??? non mi risulta. Si è subito trovato l'assassino nella persona del fidanzato senza considerare che la ragazza avrebbe anche potuto avere altri "fidanzati" per lo più sconosciuti!!!!!

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    04 Ottobre 2014 - 16:04

    Non vorrei trovarmi nei panni dei genitori di Chiara quando dovesse emergere che il ragazzo non cìentra nulla con l'assassinio. Capisco il loro dolore, ma per condannare all'ergastolo occorrono prove certissime. Da più giorni le tv hanno mostrato le impronte di sangue del presunto assassino. Avevano la suola a pallini come le Tod's, quelle sequestrate al ragazzo mostravano curve sinuose!

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    03 Ottobre 2014 - 17:05

    In che paese di merda viviamo. E queste tracce dove erano fino ad ora? Mi sto rendendo conto che le persone che gestiscono la giustizia sono dei falliti incapaci. Se continuano così fra poco la gente si farà giustizia da se. D'altronde in Italia abbiamo istituzioni di merda.

    Report

    Rispondi

    • gaudenzio.delbianco

      04 Ottobre 2014 - 01:01

      ed la cosa piu' vergognosa,e' che questi magistrati,forze dell'ordine e chi sta dietro tutte queste indagini siamo noi a pagare,e loro non pagano mai per questi sbagli.io se ero al governo mettevo una legge sui magistrati e forze dell'ordine,hai sbagliato a indagare?hai sbagliato a fare il tuo lavoro?paghi te cavolo.

      Report

      Rispondi

      • agostino.vaccara

        17 Ottobre 2014 - 14:02

        Purtroppo, in Italia, la direzione delle indagini, non è affidata né ai carabinieri né alla polizia, ma solo ed esclusivamente al magistrato inquirente. E' lui che decide l'indirizzo delle indagini, è lui che decide quando le indagini devono considerarsi concluse con il ritrovamento del presunto colpevole: polizia e carabinieri non hanno alcun potere decisionale, decide tutto il famigerato PM!!!!!

        Report

        Rispondi

    • gaudenzio.delbianco

      04 Ottobre 2014 - 01:01

      poi fanno telefilm sui carabinieri,polizia che loro scoprono tutto,mentre nella realta' abbiamo forze dell'ordine incapaci di fare ogni manzione del loro lavoro,abbiamo in italia piu di cento omicidi senza colpevoli certi

      Report

      Rispondi

  • 03 Ottobre 2014 - 16:04

    Giustizia? Biutiful, chi sa cosa ci sceneggeranno domani i PM,lex?, certo dopo un lustro di INDAGINI? Tre processi, nuove prove son essenziali,poi ora si possono fare ricerche su le mummie, (chi ha ucciso Tutan Camon??) figuratevi prendere reperti (freschi??), analizzare una bicicletta (manipolata??),verificare impronte su un pavimento ( mai lavato??) Sennò uno si annoiano, TANTO PAGA IL BUE!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog