Cerca

Nuovo elemento

Yara, Bossetti tentò la fuga il giorno dell'arresto

Yara, Bossetti tentò la fuga il giorno dell'arresto

La posizione di Massimo Bossetti si complica. I pm adesso provano a mettere spalle al muro il muratore di Mapello. Dopo aver scoperto che l'esistenza di un altro fratello illegittimo nato da una relazione extraconiugale di Ester Arzuffi, la madre biologica di Bossetti, adesso gli inquirenti contestano al principale indiziato per l'assassinio di Yara Gambirasio un tentativo di fuga durante le fasi dell'arresto lo scorso 19 giugno. Bossetti avrebbe tentato di fuggire gettandosi dal secondo piano del cantiere dopo lavorava prima di essere arrestato. Alla vista dei carabinieri, infatti, l'uomo ha perso la calma e ha cercato di non farsi catturare.

Il tentativo di fuga - Il pm Letizia Ruggeri, durante uno degli l'interrogatori a cui è stato sottoposto il manovale di Mapello, ha puntato la sua accusa sul tentativo di fuga dell'uomo come elemento chiave della sua colpevolezza. "Il 19 giugno - chiude il pm a Bossetti - quando lei è stato sentito la prima volta ha dichiarato di non essersi preoccupato". "Ma allora perché quando ha visto i carabinieri nel suo cantiere si è messo paura e ha cercato di scappare?", avrebbe chiesto il pm. "Ho visto i carabinieri dal ponteggio, da sopra, da sotto. Ho avuto paura di essere portato via come uno spacciatore di droga", ha risposto l'uomo senza però convincere nessuno. Insomma gli investigatori si chiedono perché Bossetti abbia reagito con un tentativo di fuga quando ha visto i carabinieri. Aveva forse qualcosa da nascondere?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • attualità

    05 Ottobre 2014 - 15:03

    Quando fra gli inquirenti c'e' la mano di novella duemila ,Questo succede !

    Report

    Rispondi

  • emmanuel58

    05 Ottobre 2014 - 12:12

    un indizio al giorno, il processo teatro con i suoi coups de theatre non finisce mai, uno sceneggiato pieno di suspence, con un accusato in isolamento (che è considerato alla stregua della tortura dagli organismi internazionali) .. ora è il momento del colpo di scena sul tentativo di fuga, e lo sappiamo dopo quasi quattro mesi, di solito si sa quasi subito ma che importa?

    Report

    Rispondi

  • arwen

    05 Ottobre 2014 - 11:11

    #ghorio-C'è un motivo per cui non si è giunti al processo. La Procura sa che le "prove" a sua disposizione si possono definire a malapena indiziarie e che non reggerebbero due minuti davanti a un Tribunale. La Procura teme il processo, ecco il perché l'inchiesta nn è stata ancora chiusa ed ecco la ragione di questo ignobile teatrino!

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    04 Ottobre 2014 - 16:04

    #ghorio- Bravo, non se ne può più di questo modo vergognoso di dare in pasto all'opinione pubblica, tali indiscrezioni che, in qualsiasi paese civile sarebbero vietate, e punite severamente. Chi usa le meningi non può non arrivare alla conclusione che gli inquirenti vogliano, come dire, preparare la platea per convincerla che il fermo, conseguente alle loro elucubrazioni, sia giusto!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog