Cerca

Maltrattamenti

Obbigavano la figlia di 12 anni a prostituirsi
con un pedofilo: genitori arrestati

Obbigavano la figlia di 12 anni a prostituirsi
con un pedofilo: genitori arrestati

Vendevano la loro figlia di 12 anni a un sessantenne in cambio di soldi e benefici economici. Sono finiti in manette una coppia di rumeni e un italiano, accusati di sfruttamento minorile e di violenza sessuale.

L’indagine - L'inchiesta è stata condotta dagli agenti della IV sezione della squadra mobile romana, specializzata in reati sessuali contro le donne, i minori e le fasce vulnerabili, in collaborazione con il personale del commissariato di Monteverde, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma; ha avuto origine lo scorso mese di agosto, quando gli investigatori hanno ricevuto una segnalazione di strane attenzioni rivolte a una bambina rumena di 12 anni da parte di un italiano, S.C., di 60 anni. Le indagini hanno permesso di accumulare una serie di elementi probatori nei confronti dell’italiano, disposto a ingenti cifre di denaro e regali di ogni tipo pur di soddisfare i propri istinti sessuali malati.

La complicità dei genitori - A rendere questa triste storia davvero tragica e squallida, la notizia della complicità dei genitori della bambina con il pedofilo; i genitori della minore, T.G. 35 anni, e L.G. del 40 anni, inducevano, favorivano e sfruttavano la prostituzione della loro figlia, costringendola con maltrattamenti, offese e umiliazioni quotidiane a trascorrere molto tempo con l’italiano che, in cambio di soldi e di ogni tipo di beneficio economico, poteva disporre a proprio piacimento della bambina.

La fine di un incubo - Le indagini, sostenute anche dalle dichiarazioni rese dalla minore in audizione protetta, hanno confermato la violenza sessuale dell’italiano nei confronti della dodicenne, lo sfruttamento della prostituzione e i maltrattamenti commessi dai due coniugi rumeni. Tutti questi elementi hanno determinato l’emissione di tre ordinanze di custodia cautelare richieste dalla locale Procura, per impedire la reiterazione di analoghi comportamenti e arginare la pericolosità sociale degli indagati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ex finiano

    10 Ottobre 2014 - 22:10

    Gente di merda!

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    10 Ottobre 2014 - 18:06

    Zingari siete e zingari resterete l ho sempre detto e pensato e riguardo al pedofilo sbattetelo in gabbia ci penseranno i suoi nuovi amici a ricordargli cosa ha fatto

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    10 Ottobre 2014 - 16:04

    Vale la pena di processare elementi simili? Personalmente opterei per una pallottola alla nuca, dopo averli fatti inginocchiare davanti alla buca appena scavata dagli stessi per la loro sepoltura.

    Report

    Rispondi

blog