Cerca

Il 9 novembre a Roma

Anm, convocata "assemblea generale urgente e straordinaria" contro la riforma della giustizia di Renzi

Le toghe dichiarano guerra al governo Renzi. Ora è ufficiale: la convocazione dell'Assemblea generale, indetta dal comitato direttivo centrale della Associazione nazionale magistrati per domenica 9 novembre a Roma, rappresenta l'inizio delle ostilità. Un'assemblea "urgente e straordinaria", si legge nel comunicato dell'Anm, "per discutere della riforma della giustizia. L'iniziativa, votata all'unanimità, è volta a mettere a punto "iniziative da intraprendere a seguito degli interventi governativi in tema di status dei magistrati e per avanzare proposte per la difesa del ruolo della giurisdizione e il miglioramento dell'efficienza del servizio giustizia".

Renzi come Berlusconi - Nel documento conclusivo, il Comitato direttivo centrale "esprime condivisione per i contenuti della relazione introduttiva del presidente Sabelli, che ha sottolineato le tante proposte concrete della Magistratura associata per risolvere i problemi della giustizia; esprime condivisione per l'analisi dell'inadeguatezza delle attuali politiche governative in tema di giustizia emersa dal dibattito; rivendica la specificità della funzione giurisdizionale e la produttività dei magistrati italiani attestata dalle istituzioni europee". Nel documento il Comitato, inoltre, chiede al Csm "l'adozione tempestiva di adeguate misure organizzative che permettano di affrontare il problema dei carichi di lavoro, in modo da coniugare le esigenze del servizio con quelle dei magistrati, già gravati da un arretrato insostenibile non per loro causa". Sul tavolo, insomma, tutte le questioni calde anticipate dal governo con la riforma in arrivo, a cominciare dalla chiusura estiva dei Tribunali e le ferie "sforbiciate" ai magistrati. Toni agguerriti e compattezza tra giudici e magistrati che non si vedeva dal 2006, l'anno della riforma della magistratura abbozzata dal governo di Silvio Berlusconi e dal Guardasigilli Roberto Castelli. La colpa di Renzi è proprio questa: aver ripreso il filo di un discorso abbandonato da 8 anni, causa barricate. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FALCONE68

    12 Ottobre 2014 - 20:08

    E' triste sentire tutti questi commenti contro i magistrati! Molti di voi non capiscono una beata mi... chia di organizzazione o redditività dei giudici italiani che a quanto pare sono i più produttivi in Europa. Renzi sbaglia a fare tutto da solo senza dialogare con le parti in causa!! Il suo è un metodo perdente che nella migliore delle ipotesi porterà solo altri problemi ....

    Report

    Rispondi

  • spiders

    12 Ottobre 2014 - 18:06

    tagliare gli stipendi a tutti i magistrati e tagliare i privilegi e farli lavorare e non dormire sui faldoni delle cause che attendono una rapida sentenza

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    12 Ottobre 2014 - 16:04

    Bravo Renzi, picchia duro. Il paese è alla fame e questi vogliono un mese e mezzo di ferie perche lavorano troppo. Li manderei tutti in miniera.

    Report

    Rispondi

  • 12 Ottobre 2014 - 14:02

    chi si credono di essere, i giudici italiani ??? I semidei che possono fare quello che vogliono ?? E' quello che credevano gente tipo demagistris e ingroia, bei campioni (o squallidi rappresentanti ?) della magistratura. Gìiudici fate i SERI non si sta 45 giorni in ferie !! insulto agli italiani !!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog