Cerca

Trasferito all'Umberto I

Roma, falso allarme Ebola: cittadino somalo si sente male, "è una crisi epilettica"

Roma, falso allarme Ebola: cittadino somalo si sente male, "è una crisi epilettica"

L'allarme Ebola arriva anche a Milano. Un ghanese senza fissa dimora si è sentito male durante un'udienza in Tribunale ed è stato ricoverato all'ospedale Sacco, presidio sanitario di riferimento a livello nazionale per fronteggiare la possibile emergenza contagio. Gli esami hanno dato esito negativo, anche perché si è saputo che l'uomo non rientrava in Africa da 15 anni. Questa mattina ha tossito e sputato sangue in aula, dov'era imputato in un processo per direttissima davanti al giudice della prima sezione penale Bruna Rizzardi, con l'accusa di furto di rame. Prima dell'udienza che lo riguardava, il ghanese era seduto nella gabbia riservata ai detenuti insieme a un'altra persona arrestata per aver partecipato al furto di rame.

Allarme anche a Roma - Già rientrata anche l'allerta scattata a Roma nel primo pomeriggio: sarebbe stata solo una crisi epilettica, nell'ufficio immigrazione di Tor Cervara, a provocare il malore di un cittadino somalo. Secondo indiscrezioni, l'africano avrebbe perso sangue dal naso: sono subito intervenuti i soccorritori del 118, che hanno trasferito il somalo all'ospedale Umberto I. "Le sue condizioni fisiche sono peggiorate in pochi minuti", hanno affermato alcuni testimoni. Dal policlinico, i medici hanno scartato l'eventualità che si tratti del virus Ebola.

Il comunicato ufficiale - In una nota, la regione Lazio ha ufficialmente smentito l'ipotesi Ebola. "Il paziente K. D., ricoverato presso il reparto di malattie infettive del policlinico Umberto I non risulta affetto da alcune patologia infettiva trasmissibile, la diagnosi è relativa ad una crisi epilettica". Inoltre il somalo, negli ultimi due anni, ha sempre vissuto in Italia, senza trasferirsi mai nel proprio continente d'origine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Albatross

    13 Ottobre 2014 - 21:09

    NICK2 Prima o poi spero che vorrai farci dono di alcune perle della tua sapienza, che ci rassicureranno sul fatto che, anche se pochi (grazie al Cielo) casi confermati in paesi occidentali, il virus non arriverà mai in Italia. Epidemiologo, genetista, biologo...la tua modestia ti porta a tenere nascosti tutti i tuoi titoli.

    Report

    Rispondi

    • nick2

      14 Ottobre 2014 - 09:09

      E’ possibile che qualche caso isolato di ebola arrivi in Italia, ed è giusto attuare tutte le precauzioni possibili, ma mi dà fastidio che i partiti razzisti, attraverso la loro informazione, diffondano il panico soltanto per ottenere più consensi e non capisco come voi lettori possiate credere alla possibilità di una pandemia in Europa. Non serve essere epidemiologi, basta usare il cervello!

      Report

      Rispondi

  • er sola

    13 Ottobre 2014 - 20:08

    Il TG5 stasera ha detto che ci sono centinaia di famiglie italiane che vivono in un campo con tende mentre gli immigrati li mandano nei resort a spese dei contribuenti. Penso sia questione di poco poi qualcosa succederà.

    Report

    Rispondi

  • Royfree

    13 Ottobre 2014 - 17:05

    Darei dei soldi, solo per conoscere una sola persona che ha votato e crede nelle capacità di Alfano.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    13 Ottobre 2014 - 16:04

    Se arriva l'infezione in Italia, la colpa è della sinistra, che ha permesso tutto questo e che si è battuta perchè si aprissero le porte dell'inferno. Proporrei di mettere la "sboldrini" nel contagio ela metterei a curare gli ammalati senza nessuna protezione. I komunisti hanno voluto i colorati per sfruttarli e ora devono pagare le conseguenze. Bers-ani, letta, cicciobello, ciacola tutti a casa.

    Report

    Rispondi

    • bettely1313

      13 Ottobre 2014 - 17:05

      tutti quelli di sinistra a curare gli ammalati di Ebola. Non ce ne sarà più nessuno e Berlusconi avrà vinto la battaglia contro i comunisti.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog