Cerca

La rivelazione

La nota del Sismi: "Nel 1993 la mafia voleva uccidere Napolitano"

La nota del Sismi: "Nel 1993 la mafia voleva uccidere Napolitano"

"Vogliono uccidere Giorgio Napolitano". Il 29 luglio 1993 il Sismi in una "nota interna" sosteneva che una fonte "ancora da verificare" aveva conoscenza e quindi riferito del rischio concreto di un attentato, da compiersi tra il 15 e il 20 agosto di quell'anno, nei confronti di soggetti politici di rilievo, "in particolare Giovanni Spadolini e Giorgio Napolitano". I contenuti della nota vennero poi ribaditi dal Sismi che, qualche giorno dopo, il 4 agosto '93, decide di "esternare" l'informazione che viene cosi' trasmessa ai gabinetti dei ministeri della Difesa, dell'Interno, al comando generale dei carabinieri e della Guardia di finanza, al Sisde, alla Dia. La nota del Sismi e' stata depositata oggi, dai pm della Procura di Palermo, al processo sulla trattativa Stato-mafia.

La nota del Cesis - La nota fa parte di un carteggio inviato nel 2002 dal Cesis (Comitato esecutivo per i servizi di informazione e sicurezza) al pm fiorentino Gabriele Chelazzi che indagava sulle stragi del 1993 e morto a aprile dello stesso anno. Atti di un procedimento che, a Firenze, è stato archiviato, ma su cui i pm palermitano ritengono di dovere approfondire alcuni aspetti. Dagli atti depositati dal pm emerge che - in piena emergenza in seguito alle bombe che da maggio a fine luglio 1992 scoppiarono da Roma a Firenze a Milano - il 6 agosto 1993 al Cesis ci fu un vertice sull'argomento a cui parteciparono i massimi vertici dei servizi, delle forze dell'ordine e anche un rappresentante del Dap (il dipartimento per l'amministrazione penitenziaria). Una tesi, per certi versi fuorviante, tanto che il 10 agosto il capo della Dia Gianni De Gennaro scrive una informativa in cui, per la prima volta, viene descritto lo scenario sulle bombe del 1993, piazzate dalla mafia, sosteneva la Dia, che "voleva intavolare un tentativo di dialogo con lo Stato sul tema del 41 bis". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • linhof

    21 Ottobre 2014 - 09:09

    Soccorso rosso al presidente per distogliere l'attenzione delle telefonate alla mafia, dal 1993 se ne ricordano ora? Autentica buffonata all'italiana.

    Report

    Rispondi

  • Zizzigo

    17 Ottobre 2014 - 11:11

    Ci potremmo credere solo se fosse andato a buon fine... altrimenti resta ONIRICA opera di fantasia.

    Report

    Rispondi

  • salvio53

    17 Ottobre 2014 - 10:10

    vorrei capire come mai tante minacce di attentati negli ultimi 40 anni e mai uno realizzato, mi sa che erano costruzioni di questi famigerati servizi segreti italiani abituati a depistare ed intervenire per nascondere verità ed ora ci diamo credito. abbiamo dimenticato le imprese sismi, sisde e sigle varie del passato, e basta ma aspettate che il popolo si ribelli ed assalti i centri di potere?

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    17 Ottobre 2014 - 09:09

    Uhmm, tirare fuori questa "rivelazione segreta"(???) guarda caso alla vigilia dell'interrogatorio ..... mi sa di altro soccorso all'interrogato. Ma non abbiamo mica tutti l'anello al naso. E se pure fosse vero, beh, ormai la sfiducia e disistima nelle istituzioni, TUTTE, è totale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog