Cerca

La mossa

Lecce, parte il progetto per l'università islamica

Lecce, parte il progetto per l'università islamica

Un'università islamica nel cuore di Lecce. E' questa la proposta della Confederazione delle imprese del Mediterraneo (Confime) che vuole costruire un centro universitario islamico negli ampi spazi della ex Manifattura Tabacchi. L'iniziatica, che non ha precedenti, ha scatenato un dibattito nel quale si stanno esercitando soprattutto le forze politiche cittadine e non solo. Forza Italia, come racconta Lecceprima, chiede la precedenza per l’istituzione della facoltà di Agraria, Fratelli d’Italia rivendica uno spazio pubblico di aggregazione per i giovani e sollecita l’amministrazione comunale a dire chiaramente come la pensa in merito dato che secondo alcuni sondaggi 3 cittadini su 4 sarebbero contrari all’apertura dell’università. Ed è contrario anche il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini: "Mi preoccupa il fanatismo di una sola religione, di un certa interpretazione di una certa religione, quella islamica, che è l’unica che ha questi ‘fondamentalismi’. E quindi università islamica a Lecce no, assolutamente no”, ha detto il segretario a Radio Padania

Il progetto - Ma il progetto a quanto pare va avanti. "Nelle intenzioni di chi ci crede, sarà la corrispondente della Cattolica di Roma e Milano, ma di matrice musulmana”, come riferisce Giampiero Khaled Paladini, presidente di Confime. Ma dopo qualche polemica in città, Paladini prova a gettare acqua sul fuoco: "Non è detto che il progetto andrà in porto, alla fine. Vedo cose che mi lasciano perplesso, si vocifera di un referendum apposito. Non abbiamo nessuna intenzione di imporre la nostra presenza. Se troveremo ostilità da parte della cittadinanza, per carità, andremo altrove. Abbiamo alternative valide in Campania, Sicilia e Calabria. Ma io sono salentino, ci tengo a veder sorgere questo polo a Lecce, vorrei che la mia città si sprovincializzasse. Esistono già università musulmane fuori dal mondo arabo, in Inghilterra, Germania, Stati Uniti. Cominceremmo con facoltà come teologia e filosofia, ma il resto è da concordare con il territorio, in base alle sue esigenze, d’accordo con l’Università del Salento e aperti anche al mondo cristiano. Spero solo, a questo punto, che non si confonda la religione con la cultura, che questa non faccia paura, che il dibattito non venga influenzato da quanto sta accadendo ora in Medio Oriente”. Di fatto, per ora, c’è che ci sono sul piatto una decina di milioni per l’acquisizione dell’area di 51mila metri quadrati, di cui 8500 al coperto e un investimento che secondo Paladini potrebbe essere di 50 milioni di euro. Tutti provenienti da fondi privati, ha precisato il presidente di Confime. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudionebridio

    02 Novembre 2014 - 10:10

    Vedrete che Pisapia e Marino saranno i primi a fare propaganda per la cosa. Sono gli scagnozzi del Grande Oriente, la congrega massonica che, tramite la Eu sta perseguendo la perdita delle sovranità nazionali (da sempre obiettivo della massoneria) conseguibile attraverso la de-natalizzazione (aborto, libero, sterilizzazione di massa, famiglie promiscue sterili) e l'immigrazione incontrollata.

    Report

    Rispondi

  • criticone

    29 Ottobre 2014 - 13:01

    se vogliono la parità di culto per ogni moshea una chiesa nel loro paese.purtroppo siamo un manipolo di teste di cazzo gli facciamo fare ciò che vogliono

    Report

    Rispondi

  • paola.baudinos

    28 Ottobre 2014 - 21:09

    Come mai hanno bisogno di costruirla a Lecce? Nei loro territori non c'e' spazio? Purtroppo dobbiamo settorizzare i territori perché' abbiamo capito, anzi ci hanno fatto capire che la convivenza con loro diventerebbe sudditanza e che ci stanno colonizzando. Spero che le maestranze riflettano....

    Report

    Rispondi

  • afadri

    28 Ottobre 2014 - 17:05

    Nella regione Siriana ogni giorno un cristiano viene rapito, ucciso o minacciato. E chi sopravvive pensa solo a come andarsene. ECCO COSA SUCCEDE. Quando questi assassini islamici avranno pagato il conto allora FORSE si potrà discutere di nuove infrastrutture religiose. Ho detto Forse e lo ripeto FORSE.!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog