Cerca

Nel torinese

Insulti e minacce agli omonimi della Fornero

Si chiamano come lei e sono originari dello stesso paese: San Carlo Canavese. Ma giurano di non aver nulla a che fare con Elsa Fornero, il ministro più odiato della seconda repubblica. Sono Antonio, pensionato di 79 anni, eil vicino di casa Giorgio, impiegato. Di cognome fanno, ahiloro, Fornero. E da un anno e mezzo a questa parte ricevono nella cassetta della posta lettere minatorie da mezza Italia. Insulti, minacce, storie personali di "esodati" che si ritengono rovinati dalla ministra del Lavoro del governo Monti. L'ultima, come riportano le pagine della cronaca torinese de La Stampa, è dello scorso 14 ottobre e suona più o meno così: "Sugli esodati la Fornero ha fatto solo c...". Ma la prima è quella che non dimenticheranno maai, perchè si chiudeva con un "vi uccideremo tutti".

Alcune delle lettere le mette nella cassetta il postino, ma altre vengono consegnate addirittura a mano: "E questo mi infastidisce parecchio – spiega Antonio Fornero – anche perché, una notte, ho sentito chiaramente il rumore del motore di una macchina sotto le finestre di casa. E poi ho trovato la solita lettera. Adesso ho deciso di non aprirle nemmeno più, non si sa mai. Le porto direttamente in caserma". Il più anziano dei due Fornero, nonostante la sua villa sia già protetta da un sistema di allarme, ha deciso che installerà anche delle telecamere: "È per tutelare ancora di più la mia famiglia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • g.trimboli

    15 Novembre 2014 - 12:12

    Fornero = Coccodrillo

    Report

    Rispondi

  • cesare46

    29 Ottobre 2014 - 09:09

    AAA dimenticato, questa indefinibile "signora" è piemontese come me, quindi grandissima stronza.

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    29 Ottobre 2014 - 08:08

    Ma questa non si fa schifo? Arrogante, presuntuosa e talmente ignorante d'aver causato infiniti danni ai lavoratori senza neppure capire cosa combinava. Si nasconda, se ne vada Lei e tutta la sua combriccola di delinquenti capeggiata da un miserabile Mario Monti.

    Report

    Rispondi

  • mauro.m

    29 Ottobre 2014 - 08:08

    ma che volete ancora? io con quota 96 e nato nel 1952, dipendente pubblico in ente locale, dovevo andare in pensione nel 2013, ma...stà riforma-macello voluta dalla mediocre fornero e votata da un PD falso, ipocrita ed imbroglione, mi han allungato di ben 6/7 anni con l'aspettativa di vita. ma..vergognatevi !!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog