Cerca

L'allarme dell'Istat

Un italiano su tre è a rischio povertà o esclusione sociale

Un italiano su tre è a rischio povertà o esclusione sociale

Il 28,4% della popolazione italiana è a rischio di povertà o esclusione sociale. Lo rileva l’Istat in un report sui redditi. Il dato è riferito al 2013 ed è derivato dalla combinazione della grave deprivazione materiale e della bassa intensità di lavoro e corrisponde alla quota di popolazione che sperimenta almeno una delle suddette condizioni. Rispetto al 2012, l’indicatore diminuisce di 1,5 punti percentuali, a seguito della diminuzione della quota di persone in famiglie gravemente deprivate (dal 14,5% al 12,4%); stabile la quota di persone in famiglie a rischio di povertà (19,1%) e in leggero aumento quella di chi vive in famiglie a bassa intensità lavorativa (dal 10,3% all’11,0%).

Pasto proteico ogni due giorni - La diminuzione della grave deprivazione, rispetto al 2012, è determinata dalla riduzione della quota di individui in famiglie che, se volessero, non potrebbero permettersi un pasto proteico adeguato ogni due giorni (dal 16,8% al 14,2%), di coloro che non riescono a sostenere spese impreviste di 800 euro (dal 42,5% al 40,3%) o non hanno potuto riscaldare adeguatamente la propria abitazione (dal 21,2% al 19,1%). Il rischio di povertà o esclusione sociale mostra la diminuzione più accentuata al Centro e al Nord (-7,7% e -5,9% rispettivamente), mentre nel Mezzogiorno, dove si registra una diminuzione del 3,7%, il valore si attesta al 46,2% (più che doppio rispetto al resto del Paese).

Sud e anziani - Oltre che nel Sud e nelle Isole, valori elevati dell’indicatore si osservano tra le famiglie numerose (39,8%), con un solo percettore (46,1%), con fonte di reddito principale proveniente da pensione o altri trasferimenti (34,9%) e tra quelle con altri redditi non provenienti da attività lavorativa (56,5%); è inoltre più elevato tra le famiglie con reddito principale da lavoro autonomo (30,3%) rispetto a quelle con reddito da lavoro dipendente (22,3%). Rispetto al 2012, il rischio di povertà o esclusione sociale diminuisce tra gli anziani soli (dal 38,0% al 32,2%), i monogenitori (dal 41,7% al 38,3%), le coppie con un figlio (dal 24,3% al 21,7%), tra le famiglie con un minore (dal 29,1% al 26,8%) o con un anziano (dal 32.3% al 28,9%). Tra le famiglie con tre o più figli si osserva, invece, un peggioramento: dal 39,8% si sale al 43,7%, a seguito dell’aumento del rischio di povertà (dal 32,2% al 35,1%).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • genevieve

    31 Ottobre 2014 - 11:11

    fate vedere queste foto alla Boldrini che si preoccupa degli extra comunitari poveri, fatele vedere ai nostri politici che ci stanno portando tutti alla fame. Facessero qualche gesto umanitario almeno e invitassero al ristorante di Montecitorio ogni giorno 100 poveri disoccupati e Affamati ITALIANI !!!! VERGOGNATEVI IN TOTO scaldapoltrone a sbaffo!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    30 Ottobre 2014 - 18:06

    Ah, già, questi gli 80 euro non se li meritavano........

    Report

    Rispondi

  • mab

    30 Ottobre 2014 - 12:12

    Ma le.........onlus continuano ad occuparsi di più di africani e zingari, ovviamente supportate politicamente dalle nefaste sinistre.

    Report

    Rispondi

  • encol

    30 Ottobre 2014 - 11:11

    Ecco questa e la LEOPOLDA degli italiani. Ha ragione Landini quando dice : " smettetela di fare e dire cazzate" -

    Report

    Rispondi

    • capitanuncino

      31 Ottobre 2014 - 11:11

      Piu' che Leopolda a me pare una Caporetto.VFC alla sinistraa merdosa.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog