Cerca

Caso Cucchi

Stefano Cucchi, tutti assolti nel processo d'appello

Stefano Cucchi, tutti assolti nel processo d'appello

Tutti assolti: medici, infermieri e agenti. In primo grado furono condannati solo i medici per omicidio colposo. La sentenza del processo d'appello per la morte di Stefano Cucchi - il ragazzo romano arrestato il 15 ottobre 2009 per droga e deceduto una settimana dopo nel reparto di medicina protetta dell'ospedale Sandro Pertini di Roma - è l'esito di un processo difficile. Una morte che, dopo cinque anni, resta senza colpevoli.

Le strade - I giudici della Corte d'assise d'appello, presieduti da Mario Lucio D'Andria avevano di fronte diverse alternative: avrebbero potuto confermare la sentenza di primo grado, che vedeva condannati soltanto i medici per omicidio colposo (tranne una, solo per falso); oppure avrebbero potuto accogliere le richieste del pg di ribaltamento della sentenza, con la condanna di tutti gli imputati; infine avrebbero potuto - come è avvenuto - accogliere le tesi difensive con le quali è stata sollecitata l'assoluzione di tutti gli imputati.

"Seconda morte" - "Mio fratello in quest'aula è morto per la seconda volta" ha dichiarato in lacrime Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano, uscendo dall'aula dopo il verdetto. "E' una sentenza assurda - ha ripetuto Rita Calore, mamma di Stefano - Mio figlio è morto dentro quattro mura della Stato che doveva proteggerlo". "Le persone ferite siamo noi e lo saremo per tutta la vita. Così è stato ucciso tre volte. Vogliamo la verità. Possono assolvere tutti ma io continuerò a chiedere allo Stato chi ha ucciso mio figlio", ha aggiungo papà Giovanni. La famiglia Cucchi, quindi, non si arrende. L'avvocato Fabio Anselmo ha annunciato il ricorso in Cassazione: "Era quello che temevo - ha detto riferendosi alle assoluzioni degli imputati - Vedremo le motivazioni, e poi faremo ricorso ai giudici della Suprema Corte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lupoWolf

    01 Novembre 2014 - 16:04

    Ma che è tutto questo trambusto su questa sentenza Oltre ad avere preso una montagna di soldi nostri , ancora cercano di creare colpevoli , questa famiglia di sinistroidi. Non hanno nessun ritegno mostrando foto realizzate a scopo per fare effetto nel pubblico. Vergognatevi!

    Report

    Rispondi

  • romamaccio

    31 Ottobre 2014 - 19:07

    Aridatece Mastro Titta,lui avrebbe rimesso le cose a posto senza sconti.

    Report

    Rispondi

  • oviivo

    31 Ottobre 2014 - 19:07

    I familiari di Cucchi dovrebbero farsi un bell'esame di coscienza e chiedersi cosa hanno fatto per evitare che il loro congiunto facesse uso di sostanze stupefacenti, vere responsabili della morte del loro congiunto??!!

    Report

    Rispondi

    • locatelli

      01 Novembre 2014 - 14:02

      parole sante

      Report

      Rispondi

    • elea6001

      01 Novembre 2014 - 14:02

      poveretto lei. è per caso figlio di quel menteccato di giovanardi? perchè allora tutto si spiega.

      Report

      Rispondi

  • kidwiller

    31 Ottobre 2014 - 19:07

    La famiglia Cucchi dovrebbe pensare al periodo precedente la morte, quando non si sono occupati di Stefano rendendolo succube della droga. Oggi chiedono giustizia per presunte colpe di altri quando i drogati sono degli zombi che camminano e cadono al primo ostacolo. Non accusate altri ma leggete i vostri cuori e fate penitenza senza far entrare la politica in una disgrazia familiare.

    Report

    Rispondi

    • elea6001

      01 Novembre 2014 - 14:02

      alro figlio di giovanardi. è proprio vero che la madre degli imbecilli è sempre incinta.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog