Cerca

Integrazione difficile

Rom assunte come bidelle di una scuola elementare. Genitori in rivolta: "Non le vogliamo"

Rom assunte come bidelle di una scuola elementare. Genitori in rivolta: "Non le vogliamo"

Due bidelle di etnia rom sono state assunte per un anno per lavorare nelle scuole elementari di Monserrato (Cagliari), ma una quarantina di mamme di alunni che frequentano l’istituto non hanno gradito e se ne sono lamentate con il sindaco Gianni Argiolas, che ha bollato l’accaduto come un episodio di razzismo. Secondo quanto riporta oggi il quotidiano ’L’Unione Sarda', una delegazione di genitori è andata dal primo cittadino, dicendo che i figli «non frequenteranno mai una scuola dove lavorano delle bidelle rom», considerato anche che - è stato il loro argomento - «la loro presenza non era inserita nel piano di offerta formativa».

Tu manderesti tuo figlio in quella scuola?
Vota il sondaggio
 

Il sindaco ha ascoltato le rimostranze, ma allo stesso tempo si è detto «orgoglioso della scelta fatta» e di provare «vergogna» a nome di Monserrato. Argiolas ha spiegato che l’assunzione è avvenuta grazie a un finanziamento europeo, ottenuto con l’impegno di una Fondazione locale proprio per favorire l’integrazione dei rom. Da parte loro, le due donne (nella foto tratta dall'Unione Sarda una delle due) hanno detto di non ascoltare o di non capire i commenti che sovente sentono fare da alcuni genitori e continuano a svolgere il lavoro per cui sono state assunte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lisa1234

    04 Novembre 2014 - 13:01

    Ok se questa è l'idea, che uno straniero in Italia debba avere maggiori diritti di un italiano, di conseguenza un italiano in Germania avrà maggiori diritti di un tedesco,giusto? No eh? Suona male vero? Avete ragione..solo in Italia accade questo,siamo un popolo di buoni a nulla,solo a lagnarsi senza riuscire a prendere in mano le redini del nostro futuro!

    Report

    Rispondi

  • Lisa1234

    04 Novembre 2014 - 12:12

    Ok se questa è l'idea, che uno straniero in Italia debba avere maggiori diritti di un italiano, di conseguenza un italiano in Germania avrà maggiori diritti di un tedesco,giusto? No eh? Suona male vero? Avete ragione..solo in Italia accade questo,siamo un popolo di buoni a nulla,solo a lagnarsi senza riuscire a prendere in mano le redini del nostro futuro!

    Report

    Rispondi

  • katerin

    02 Novembre 2014 - 15:03

    ma perchè se voleva dare un lavora a quelle zingare non le ha assunte a casa sua come colf oppure come baby sitter?

    Report

    Rispondi

  • mark51

    02 Novembre 2014 - 13:01

    puttana miseria ma non c era nessuna italiana disoccupata da fargli fare questo lavoro

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog