Cerca

I nuovi nomi

Consulta, la candidata Sandulli e quel documento contro il Cav

Consulta, la candidata Sandulli e quel documento contro il Cav

Dopo il ritiro delle candidature di Catricalà e Violante si riaprono i giochi per le nomine della Corte Costituzionale. La settimana prossima potrebbe essere quella decisiva per l’elezione da parte del Parlamento di due giudici della Consulta. In pole position ci sarebbero due donne: Silvana Sciarra, professoressa ordinaria di Diritto del Lavoro alla Luiss e docente all'Università di Firenze, e Maria Alessandra Sandulli, avvocato e docente all'Università di Roma Tre. Il nome di quest'ultima è inserito tra quello di centinaia di professori che alla fine del 2005, firmarono l'appello "Salviamo la Costituzione" contro la riforma della Costituzione dell'allora governo Berlusconi che viene definita senza mezzi termini "pessima". Un appello sottoscritto  da 17 presidenti e vicepresidenti emeriti della Corte Costituzionale, 183 professori universitari di diritto costituzionale, diritto pubblico e diritto amministrativo, 102 altri professori universitari di materie giuridiche, 184 professori universitari di altre discipline. La Sandulli, molta vicina a Letta, viene indicata come candidata vicina a Forza Italia. In realtà, la  docente non convince affatto il centrodestra tanto che alcuni parlamentari hanno ripescato proprio quel documento.  Vale la pena sottolineare come, la stessa Sandulli, non abbia espresso nessuna critica e nemmeno una perplessità a proposito delle riforme del governo Renzi. 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filder

    03 Novembre 2014 - 12:12

    Si vede dalla faccia che non è una persona limpida, si addice molto al PD

    Report

    Rispondi

  • zydeco

    03 Novembre 2014 - 07:07

    Insomma sembra che per ottenere qualsiasi posizione istituzionale in Italia la qualifica unica e necessaria sia quella di essere contro Berlusconi, il quale, tra l'altro, gli fa paura più da morto che da vivo. (Come Mussolini del resto)

    Report

    Rispondi

  • giseppe

    02 Novembre 2014 - 17:05

    un altra cornacchia da gabbia

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    02 Novembre 2014 - 15:03

    Un'altra venduta, insomma. Ma tant'è, in Corte Costituzionale o ci sono arrivisti senza scrupoli o venduti: altrimenti non si spiegherebbero i tantissimi casi in cui la Corte avrebbe dovuto intervenire e non è intervenuta. Aboliamola, e facciamo a meno delle avvilenti manfrine per la la nomina dei suoi membri. Sarebbe ora di lasciar perdere certi rottami del recente passato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog