Cerca

Corte di Giustizia

Imu e Vaticano, l'Europa riapre il caso: la Chiesa ci deve 4 miliardi di euro

Imu e Vaticano, l'Europa riapre il caso: la Chiesa ci deve 4 miliardi di euro

Quattro miliardi di euro potrebbero entrare nelle casse dello Stato italiano. Tanto è l'ammontare di Ici e Imu non pagato dal 2008 che il Vaticano deve al nostro Erario e che ora, grazie alla Corte di Giustizia del Lussemburgo che ha ammesso il ricorso presentato nel 2006 dai radicali, dovrebbero essere recuperate. Il 29 ottobre scorso, spiega Repubblica, l’Ottava sezione del Tribunale applicando una nuova norma del Trattato di Lisbona, ha dato torto alla Commissione europea che chiedeva l’irricevibilità della causa e ha rinviato la questione a un giudizio sul merito. Bruxelles avrà tempo fino al 10 dicembre per presentare una memoria difensiva in grado di giustificare la decisione di non chiedere i rimborsi per "generale e assoluta" impossibilità di procedere al recupero. Poi saranno i ricorrenti a presentare una memoria e infine si arriverà a sentenza.

Aiuto di Stato alla Chiesa - Il caso, ricorda Alberto D'Argenio, è stato aperto nel 2006 da una denuncia dell’ex deputato Maurizio Turco e del fiscalista Carlo Pontesilli, esponenti del Partito Radicale, contro una legge varata dal governo Berlusconi in piena campagna elettorale che prevedeva lo sconto del 100% sull’Ici, poi diventata Imu, e del 50% sulle tasse sul reddito, ovvero l’Ires sulle attività nei settori dell’istruzione e della sanità privata. Un sistema di favore che per l’Antitrust europeo distorceva il mercato, favorendo i beneficiari rispetto ai concorrenti che invece le tasse le pagavano tutte. Dopo una serie di archiviazioni (secondo alcuni osservatori in odore di insabbiamento) da parte di Bruxelles e numerose contro denunce, nel 2012 si è arrivati alla condanna del regime fiscale di favore concesso ad alberghi, scuole e cliniche gestite dagli enti ecclesiastici,  perché per i giudici europei si trattava  Aiuto di Stato discriminatorio. Ma allora Bruxelles non è andata fino in fondo non ordinando al governo di recuperare i balzelli non pagati negli ultimi cinque anni, che secondo i calcoli dell’Associazione nazionale dei comuni varrebbero intorno ai quattro miliardi.

Le regole di Monti - Nel mirino della Corte del Lussemburgo, però, rivela Repubblica, ci sono anche le nuove norme approvate dal governo Monti nel 2012 che, secondo i ricorrenti, hanno confermato gli sconti fiscali cambiando solo apparentemente le regole già condannate dalla Commissione europea come aiuti di Stato illegali e tornando di fatto a favorire la Chiesa, anche permettendo a qualsiasi ente formalmente no-profit di operare di fatto sul mercato senza pagare le tasse. La stessa denuncia sarà poi inoltrata ancora una volta alla Commissione europea ora guidata dal lussemburghese Juncker, che come commissario alla Concorrenza ha scelto la liberale danese Margrethe Vestager.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carpa1

    05 Novembre 2014 - 18:06

    Non me ne può fregar di meno di quanto la Chiesa deve all'europa (chi lo potrebbe certificare? l'europa dei banchieri e dei burocrati?). Quello che invece mi frega è quanto l'europa deve a me per via della pensione decurtata, del furto su casa e risparmi (parlo del capitale, non reddito sui risparmi), dell'aumento incontrollato del costo della vita, di un cambio Lira/euro da rapina a mano armata.

    Report

    Rispondi

  • wall

    05 Novembre 2014 - 16:04

    Guardate il caso è la stessa somma dell'IMU che ci hanno rubato il governo monti quando ha salvato la banca MPS!! Meglio salvare una Chiesa che una banca!

    Report

    Rispondi

  • blu_ing

    05 Novembre 2014 - 15:03

    una volta esisteva lo stato della chiesa poi e' arrivato il democraticissimo stato italiano che ha rubato tutto, ed ora vuole anche i soldi di coloro che fanno elemosina alla chiesa!, più ladri di cosi! solo i politici italiani hanno la faccia di culo da rubare a Dio, beh speriamo che vi strafulmini

    Report

    Rispondi

    • ramadan

      05 Novembre 2014 - 16:04

      se dio esistesse strafulminerebbe la chiesa e gli scocchi come te. auguri

      Report

      Rispondi

      • blu_ing

        05 Novembre 2014 - 19:07

        allah e' una invenzione di maometto di stirpe maledetta visto che tutti voi mussulmani sunniti e sciiti vi sgozzate tra voi gran bel dio il vostro un dio demente...avrebbe dovuto dire annegatevi tutti in un colpo, che a sgozzarvi tutti ci vuole molto tempo, cosi vi togliete dai coglioni tutti e subito

        Report

        Rispondi

      • carpa1

        05 Novembre 2014 - 18:06

        Scusa, ma tu il ramadan lo fai? Allora perchè non preghi il tuo allah, che sicuramente esiste, di essere lui a strafulminare chi ti è così inviso!

        Report

        Rispondi

        • ramadan

          05 Novembre 2014 - 21:09

          per carpa1 :anche allah, se esistesse, strafulminerebbe tutti compreso te. auguri anche a te !!!

          Report

          Rispondi

  • spalella

    05 Novembre 2014 - 15:03

    Vaticano Ladro, come sempre da secoli. Quattro miliardi sono l'equivalente del gettito IMU sulla PRIMA CASA. Si agevolano i parassiti del vaticano soffocando le famiglie, si abbonano le tasse sugli ALBERGHI dei preti e si rubano soldi ai più deboli. VATICANO LADRO, preti parassiti, e non sono SLOGAN MA FATTI CONCRETI E VISIBILI. NON VOGLIO IL VATICANO NELLA MIA VITA PUBBLICA E STATALE.

    Report

    Rispondi

    • DoctorMR

      05 Novembre 2014 - 17:05

      Per lei che urla "Vaticano ladro": le ricordo che storicamente il Vaticano esisteva prima dello stato italiano, che la Chiesa 8con tutte le sue magagne) continua ad operare nel sociale meglio dello Stato italiano, che i radicali dovrebbero provare vergogna per la loro inutilità, che l'unico furto è l'esistenza dell'IMU e che l'UE usa questi temi come arma di distrazione. Ma finitela!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog