Cerca

I dati

La classifica del ministero dell'Interno: i reati denunciati sono in aumento del 2,6%

La classifica del ministero dell'Interno: i reati denunciati sono in aumento del 2,6%

I reati denunciati nel nostro Paese, nel 2013, sono in aumento del 2,6% rispetto al 2012: i dati forniti al Sole 24 Ore dal ministero dell'Interno offrono una panoramica importante sulle cifre legate alla criminalità, e sono da interpretare in maniera positiva. Il dicastero presieduto da Angelino Alfano, infatti, sottolinea come l'aumento delle denunce di reato possa essere considerato sintomo di una maggiore consapevolezza del crimine da parte delle vittime, nonché una maggior fiducia nella pubblica tutela.

I tipi di reato - Ecco le principali tipologie criminose in aumento: 6% per le estorsioni, 20% per le truffe o frodi informatiche, 6% per i furti nelle case, 2,6% (in linea con la media generale) per le rapine, dove però c'è un significativo +10% per gli autori arrestati o denunciati. Il numero dei delitti volontari consumati è, invece, fermo da anni intorno a quota 500-530, con un incremento del 64% dovuto ai 366 morti nel naufragio di migranti a Lampedusa, di tredici mesi fa. Andamento stazionario per gli scippi (20 mila, dopo un forte incremento nel 2012) e calo per i furti d'auto. 

Le province - Secondo il rapporto tra reati commessi e abitanti, Milano e Rimini sono le due città che subiscono la pressione più alta: 8 mila reati denunciati ogni 100 mila abitanti. 260 mila denunce nel capoluogo lombardo, mentre la cittadina romagnola deve il suo secondo posto nella graduatoria alla propria vocazione turistica, fonte di reddito ma anche di occasioni criminose, con una popolazione di appena 355 mila persone. Sopra i 6 mila reati, nell'ordine, anche Bologna, Torino, Roma, Ravenna, Genova e Firenze. Le province dove il rapporto è più basso, invece, sono tutte al sud: sotto le 2 mila e 500 denunce ci sono infatti Crotone, Avellino, Enna, Oristano e Matera, fino al fanalino di coda Benevento.

Rapine e furti - Napoli è la città "leader" per quanto riguarda le rapine, con 270 casi ogni 100 mila residenti, quasi il quadruplo della media nazionale di 72 casi. Surclassate sia Milano che Roma, mentre le cittadine meno coinvolte in questo tipo di criminalità sono Aosta, Sondrio, Potenza e Belluno, sotto dieci casi ogni 100 mila abitanti. Per i furti nelle abitazioni, +44% ad Asti, che "spicca" in classifica: quasi mille furti in casa ogni 100 mila abitanti, nettamente sopra le altre due province sul podio, Pavia e Torino. Il dato è in forte crescita anche a Lodi e Sondrio, mentre a Campobasso, Napoli, Potenza e Crotone, il numero di reati denunciati è di 130 ogni 100 mila residenti.

Borseggi e frodi informatiche - Nei borseggi, la prima provincia in classifica è ancora Rimini (mille casi ogni 100 mila abitanti), seguita da Bologna e Milano, mentre il fanalino di coda Oristano non raggiunge i dieci casi. Le truffe e le frodi informatiche, invece, colpiscono soprattutto i cittadini di Trieste, con 422 casi, seguiti da Savona e Napoli. Su quasi tutta la penisola, questo tipo di reato è in aumento di almeno il 10%.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    21 Febbraio 2015 - 15:03

    In base ad un sondaggio di pochi giorni fa, in caso di elezioni il PD sarebbe il piu' votato in assoluto ! che dire...fatevi rapinazze,ammazzare,violentare,scorticare dagli stranieri e state zitti !

    Report

    Rispondi

  • burago426

    18 Novembre 2014 - 10:10

    le parole di quelli di sinistra, sempre le stesse all'unisono, sono: siete razzisti........, ci sono tanti delinquenti che sono italiani......... manca da parte degli italiani una certa integrazione.... Basta! Ma basta! Siete asfissianti! Non ne possiamo più! Voglio tornare come 40 anni fa e basta, senza che nessuno mi giudichi. Basta integrazione, non è colpa mia se sono italiano e voglio vivere

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    17 Novembre 2014 - 16:04

    Non serve la galera fine a sé stessa, ma la palla al piede. Scontare il periodo di condanna ai lavori forzati, almeno restituirebbe alla società un minimo di dignità e credibilità, oltre ad un utile in luogo di spese di mantenimento esagerate. I buonisti potrebbero subire lo stesso trattamento, per imparare le regole della convivenza.

    Report

    Rispondi

  • geompiniliberoi

    17 Novembre 2014 - 14:02

    il rimedio lo hanno trovato loro pinocchietto e orlando, non considerarlo reato cosi le galere si vuotano, non paghiamo multe della EU, i magistrati eliminano arretrati si spendono meno soldi per avvocati... , il cdx non ha niente da dire...., NCD farevole naturalmente per conservare il posto, altro che riunire il cdx, stanno rovinando la nazione .... altro che riforme

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog