Cerca

Omicidio Gambirasio

Yara, Massimo Bossetti non risponde al Pm, i suoi legali: "Su di lui inaccettabili pressioni"

Yara, Massimo Bossetti non risponde al Pm, i suoi legali: "Su di lui inaccettabili pressioni"

Massimo Bossetti ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere per "inaccettabili pressioni" da parte della Procura per spingerlo a confessare. Cosi i legali del carpentiere di Mapello hanno spiegato la decisione del loro assistito nel corso dell'interrogatorio di stamattina, 24 novembre, davanti al Pm Letizia Ruggeri. Bossetti è in carcere dal giugno scorso per il presunto omicidio di Yara Gambirasio.

"Atteggiamento inaccettabile" - "A fronte di un atteggiamento inaccettabile dalla procura, il signor Bassetti ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere'' lo hanno detto i legali del muratore arrestato per l'omicidio della piccola Gambirasio al termine dell'interrogatorio con il pubblico ministero. ''Al signor Bossetti è stato rifiutato di vedere il proprio consulente criminologo Ezio Denti" hanno concluso gli avvocati Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni. Bossetti continua a proclamarsi innocente e da alcune settimane, non è più in regime di isolamento. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    25 Novembre 2014 - 11:11

    Il perché del DNA sugli slip di Yara è presto spiegato. E' una questione di calcolo. Visto che il DNA è irreperibile, perchè se lo fai la seconda non vale come la prima , quindi non fa testo,si può anche inventare che esiste ma nella realtà chissà se mai è esistito questo DNA sugli slip. Agli inquirenti fa più comodo partire già con la prova regina così i l malcapitato si fa presto a incastrarlo.

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    25 Novembre 2014 - 08:08

    Qui qualche cosa non quadra. Od i legali del Bossetti sono dei bugiardi e dicono scemenze quindi vanno perseguiti, oppure questa giustizia è malata ed è peggio dei sistemi più incivili al mondo.Inaccettabile.

    Report

    Rispondi

  • afadri

    24 Novembre 2014 - 22:10

    Preoccupante questa storia, molto preoccupante, per quella che dovrebbe essere la giustizia.!

    Report

    Rispondi

    • Chry

      25 Novembre 2014 - 04:04

      Aldo Delli Carli, coglioncello, scrivi stranamente la parola moralisti verso un fatto di omicidio e pedofilia, non sarà che preferisci difendere un mostro per la tua 'morale'

      Report

      Rispondi

  • RaidenB

    24 Novembre 2014 - 20:08

    Questa è la magistratura in Italia. Loro trovano il colpevole ideale e lo tengono sotto torchio finché non confessa. Poi lo condannano e il gioco è fatto. Il "colpevole" è in prigione e loro salvano la faccia.

    Report

    Rispondi

    • Chry

      25 Novembre 2014 - 04:04

      'Un colpevole ideale' ??? ...ma che li mettiamo a fare le persone in galera, perchè spendere soldi e tempo per un processo quando sarebbe più semplice un'infallibile test, domandargli se è colpevole o no.

      Report

      Rispondi

      • blues188

        25 Novembre 2014 - 12:12

        Quelli che escono fatti assolvere dai magistrati (tutti di sinistra) cosa sarebbero, allora ? Hai la bontà di spiegarlo anche a noi, visto che sei pieno di sdegno per uno che non si sa bene se è davvero innocente, Chry??

        Report

        Rispondi

blog