Cerca

Trasporto pubblico bloccato

De Magistris non paga il gasolio
Autobus fermi a Napoli

Il fornitore che vanta almeno un milione di euro di credito con la municipale partenopea non ha fatto i rifornimenti

De Magistris non paga il gasolio
Autobus fermi a Napoli

Cittadini appiedati a Napoli perché manca il carburante per i bus. "Emergenza gasolio", ha avvertito ieri seri l'agenzia di trasposto pubblico partenopeo sulla sua pagina Facebook gettando nel panico gli utenti che sono stati costretti a prendere un taxi o la propria auto per gli spostamenti in città. Solo una trentina di autobus, infatti, sono riusciti a fare rifornimento e uscire dai depositi nelle prime ore del mattino. Gli altri sono rimasti fermi.  

Tagli agli enti locali - La crisi di liquidità che investe tutto il settore in Campania, in parte per il taglio nei trasferimenti specifici in parte per la situazione economica degli enti locali, ha avuto come conseguenza l'ennesima interruzione di servizio a Napoli, generata dal fatto che il fornitore di gasolio dell'azienda voleva maggiori garanzie prima di effettuare i rifornimenti necessari al servizio. Un fornitore che vanta almeno un milione di euro di credito con l'Anm, e al quale arriverà un acconto attraverso la cessione di una parte delle risorse di una nuova linea di credito aperta dalle banche all'Anm per coprire anche gli stipendi del personale, che comunque arriveranno con ritardo il primo febbraio. L'Anm, a sua volta, attende risorse dal Consorzio Unico Campania, dal Comune, dalla Regione e dalla Provincia, che per quota parte contribuiscono a finanziare il servizio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 19gig50

    30 Gennaio 2013 - 23:11

    I partenopei amano molto piangersi addosso ma, se imparassero a pagare il biglietto quando salgono sui bus e costringessero anche gli extracomunitari ed i rom a farlo, le cose cambierebbero.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    30 Gennaio 2013 - 19:07

    Gestire vuole dire saper fare il manager, ed un comune ha prima di tutto un bilancio, e poi una merce da vendere che si chiama servizi. per avere buoni risultati in materia non si può scegliere, come al solito, miseri individui senza arte nè parte e senza cultura e studi specifici. E' un annoso problema che gli elettori non sanno proprio capire. MEGLIO NON VOTARE, PIUTTOSTO CHE ELEGGERE UN INUTILE POVERACCIO A GESTIRE LE NOSTRE COSE.

    Report

    Rispondi

  • PartitoDemagogico

    30 Gennaio 2013 - 18:06

    ...sono solo cazzi dei napoletani, la prossima volta che provino ad accendere il cervello quando entrano nella cabina elettorale. E che a nessuno venga in mente di aiutare economicamente il comune.

    Report

    Rispondi

  • laghee

    30 Gennaio 2013 - 18:06

    ... pur di non lavorare, le inventano tutte !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog