Cerca

Il giallo

Musy, fermato il presunto attentatore: è un italiano

Torino, la polizia torchia il sospetto, un italiano, che lo scorso marzo avrebbe sparato al consigliere comunale Udc: "Questione di affari"

L'avvocato dell'Udc, da quel maledetto 21 marzo 2012, è in coma profondo. Gli inquirenti: "Indagine complessa"
Il presunto attentatore di Musy

Il presunto attentatore di Musy

 

Dopo quasi un anno di indagini, la polizia di Torino ha fermato il sospettato che avrebbe sparato ad Alberto Musy, il consigliere comunale dell'Udc vittima di un agguato il 21 marzo del 2012. L'uomo fu colpito nel cortile di casa, e da allora non si è mai rirpeso dal coma. Il sospettato è un italiano, Francesco Furchì di 49 anni: la svolta sarebbe arrivata la scorsa notte, quando le forze dell'ordine, per ore, hanno torchiato un uomo. Il fermato abita vicino a Musy, e dalle poche anticipazioni trapelate il risentimento che lo portò ad aprire il fuoco sarebbe legato a questioni di affari e soldi. L'uomo non avrebbe avutuo complici, e dalle indiscrezioni si tratterebbe di una storia molto complessa.  

Il finto postino - L'attentato avvenne alle 8.30 del 21 marzo 2012. Un uomo citofonò in via Barbaroux, in pieno centro a Torino: voleva recapitare un pacco al consigliere comunale. Così un vicino ha aperto il portone. Poi l'uomo ha atteso nel cortile che Musy uscisse di casa per andare al lavoro. Quando lo vide gli scaricò addosso tutti i colpi di una P38. La moglie di Musy, Angelica, dopo aver udito i colpì si precipitò ad aiutare il marito. Da quel giorno, però, l'avvocato è in coma profondo. Le indagini, in particolare, si sono concentrate sulle immagini delle telecamere nelle vicinanze dell'abitazione di Musy, che avevano ripreso un uomo con un casco nero e con un pacco, dentro al quale - secondo gli investigatori - l'attentatore aveva nascosto l'arma.

Il killer - Francesco Furchì è un professionista torinese, un ragioniere di origini calabresi, nonchè presidente del circolo "Magna Grecia". A quanto si apprende, gli inquirenti sospettano che abbia agito per non meglio precisati motivi politici: l’uomo era candidato nella stessa lista di Musy, 'Alleanza per la citta”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasc

    31 Gennaio 2013 - 19:07

    Tentato omicidio Musy: Francesco Furchì ,calabrese in trasferta a Torino Scandalo MPS : Giuseppe Mussari, calabrese in trasferta a Siena Inquinamento ILVA Taranto: Girolamo Archinà, calabrese in trasferta a Taranto. …….che siamo razzisti, sono loro che sono calabbrisi !

    Report

    Rispondi

  • allerria

    30 Gennaio 2013 - 19:07

    mica sono zotici come noi polentoni.la cultura fa la differenza e si vede dal comportamento,una curiosità: la bindi che si candida sempre in calabria che interessi avrà laggiù?ma!!!

    Report

    Rispondi

  • gibuizza

    30 Gennaio 2013 - 18:06

    Ennesima coincidenza, un altro calabrese!

    Report

    Rispondi

  • mammagigi1

    30 Gennaio 2013 - 17:05

    quanto scritto alle 16.50 era relativo all'articolo su corona: mi era "scappato" l'articolo giusto per un'interruzione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog