Cerca

Appello bis

Garlasco, i genitori di Chiara Poggi chiedono dieci milioni di risarcimento

Garlasco, i genitori di Chiara Poggi chiedono dieci milioni di risarcimento

Chiederanno 10 milioni di risarcimento i legali della famiglia di Chiara Poggi, la ragazza uccisa a Garlasco il 13 agosto 2013 nella villetta in cui viveva con i genitori. È ripreso infatti oggi, giovedì 27 novembre, con l'intervento degli avvocati di parte civile, Gianluigi Tizzoni e Francesco Compagna, il processo d'appello bis a carico di Alberto Stasi, per il quale la scorsa udienza il sostituto procuratore generale Laura Barbaini aveva chiesto 30 anni di reclusione per omicidio volontario aggravato dalla crudeltà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • er sola

    27 Novembre 2014 - 15:03

    E dove li prende 10 milioni? Fosse lui, basterebbe vederlo marcire in carcere in compagnia di qualche extracomunitario arrapato.

    Report

    Rispondi

  • cartonito

    27 Novembre 2014 - 14:02

    per una figlia uccisa non ci sono soldi che ripagano ,l'unica piccola consolazione è vedere in carcere quel maligno assassino .

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    27 Novembre 2014 - 14:02

    Mi sembrano molte congetture, questi nostri squallidi inquirenti non hanno prove certe ma solo supposizioni. Ennesimo fallimento della giustizia in Italia.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    27 Novembre 2014 - 13:01

    Allora il problema è tutto qui??? Alla famiglia di chi sia il vero colpevole importa poco, importa che Stasi, forse, potrebbe pagare, mentre il vero colpevole potrebbe essere un morto di fame che non potrebbe pagare alcunché!!! Ma perché nessuno ha mai indagato su quel che faceva la povera Chiara quando era, da sola, a Milano???

    Report

    Rispondi

blog