Cerca

Il ricorso della procura dopo l'assoluzione

Ruby, il pg ricorre in Cassazione: la telefonata di Berlusconi in Questura "fu un ordine"

Ruby, il pg ricorre in Cassazione: la telefonata di Berlusconi in Questura "fu un ordine"

La telefonata di Silvio Berlusconi in Questura a Milano, dopo la quale Ruby fu affidata all’allora consigliera regionale Nicole Minetti, ebbe la "natura di un vero e proprio ordine" e non si risolse "nella manifestazione di un desiderio o al più di una garbata richiesta priva di ogni carattere costrittivo". Lo scrive il pg di Milano Piero De Petris nel ricorso presentato alla Cassazione contro la sentenza di assoluzione in appello di Silvio Berlusconi nel processo in cui l’ex premier era accusato di prostituzione minorile e concussione.

L'ordine - La richiesta di Berlusconi di affidare la ragazza a Minetti, scrive il pg, "è stata vincolativa" per il capo di Gabinetto Pietro Ostuni e "ha quindi avuto natura di un vero e proprio ordine". A confermare la natura di ordine, secondo il pg, sarebbero stati: "lo stesso tenore testuale della richiesta, il quale non lasciava alcun margine di apprezzamento discrezionale per il funzionario a cui è stata rivolta"; "il comportamento tenuto da Ostuni che fin dal primo momento ha mostrato di averne inteso la natura cogente, traslandolo come ordine sulla Iafrate (Giorgia Iafrate, ndr) e poi su questa reiteratamente intervenendo (n.12 telefonate), affinchè vi fosse data esecuzione, anche contro le direttive impartite dal pm minorile»; (...) la completa assenza di elementi fattuali e logici, i quali consentano di ipotizzare che il capo di gabinetto abbia dato esecuzione alla richiesta per timore reverenziale, timore autoindotto, o per mera compiacenza, o comunque per effetto di un improvvido 'sbilanciamento', o per una 'incauta accondiscendenza' che ne abbiano orientato la condotta".

L'età di Ruby - E ancora la conoscenza della minore età. Che Berlusconi sapesse che Ruby era minorenne, osserva il pg, si può dedurre dal fatto che essa fosse "patrimonio comune di quell’ambiente femminile che gravitava attorno alle serate di Arcore, non altrimenti spiegandosi che più partecipi di detto ambiente si siano attivate, pressochè all’unisono, per notiziare Berlusconi dell’accaduto". Altrettanto «"fondamentale" sarebbe poi il fatto che l'ex premier "in un simile ambiente era immerso come primo e principale fruitore delle ’serate'"». Inoltre, il pg sostiene che la Corte d’Appello, presieduta da Enrico Tranfa dimessosi dopo le motivazioni al verdetto, avrebbe letto «illogicamente» altri elementi «senza effettuare tra essi alcun collegamento». Tra questi, oltre ad alcune intercettazioni telefoniche che vedono protagonista Ruby, c’è anche il comportamento tenuto da Emilio Fede (condannato in appello a 4 anni e dieci mesi nel processo ’parallelò). Secondo i giudici di secondo grado, non c’è la prova che il giornalista sapesse della minore età e lo avesse poi confidato a Berlusconi. "Poichè non risulta che Fede fosse affetto da disturbi di memoria - argomenta il pg, richiamandosi al concorso di bellezza siciliano dove Fede era giurato e Ruby concorrente - deve concludersi che la sera del 14 febbraio 2010 (quando Ruby partecipò per la prima volta alle serate ad Arcore, ndr.) abbia certamente riconosciuto Karima El Marhoug, identificandola nella tredicenne egiziana della cui ’lacrimevole storia' - rectius del cui aspetto fisico - era rimasto toccato in terra siciliana». È infine «manifestamente illogico" l’argomento sostenuto in appello per cui Fede non avrebbe avuto alcun interesse a rivelare a Berlusconi la giovane età di Karima. Fede avrebbe avuto "interesse", stando a questa rivisitazione, a dare notizie del dettaglio a Berlusconi, "rimettendogli la decisione sulla partecipazione di Ruby alle serate", "posto che un tale comportamento, tanto in caso di assenso quanto di diniego, avrebbe rafforzato il credito di benevolenza (anche economica) di cui godeva presso l’illustre amico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • holly-64

    07 Dicembre 2014 - 19:07

    Ma non si arrendono propio.... guardassero quello che sta succedendo in casa loro.... appena Silvio si fa' sentire eccoli pronti a rompere i c..... con qualche ricorso o avviso di garanzia fantasma.... la vergogna non la conoscono propio??? Sentiremo prima o poi parlare del grande Palazzo di Giustizia di Milano allora si che godremo mentre i cadaveri passeranno vicino alla riva.....

    Report

    Rispondi

  • CARLINOB

    02 Dicembre 2014 - 13:01

    Vuoi vedere che abbiamo un pg . . . normale , che si vergogna di avvallare le idiozie del pregiudicato e dei suoi difensori! Quasi mi pare impossibile.

    Report

    Rispondi

  • RULI5646

    02 Dicembre 2014 - 12:12

    Se ci fosse stata VIGENTE la Responsabilità Civile con addebito diretto sul PORTAFOGLIO di chi ha la testa dura e si accanisce, suppongo che questo ricorso in Cassazione non ci sarebbe stato. Ma poiché PAGA IL CONTRIBUENTE COGLIONE e anche nel caso tutto andasse tutto male NESSUNO SAREBBE RESPONSABILE....allora perché non continuare a GIOCARE ? E' GRATIS ! GIOCATE E DIVERTITEVI !

    Report

    Rispondi

  • marino43

    02 Dicembre 2014 - 10:10

    @@@ cusrer 01 @@@ Anche tu hai aspettato che ti riducesse le tasse, che il sud diventasse la California d'Italia, che sconfiggesse il cancro in due anni....e sei rimasto l'illuso di sempre!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog