Cerca

Il caso

Bergamo, il preside vieta il presepe a scuola. Salvini: "Inaccettabile"

Bergamo, il preside vieta il presepe a scuola. Salvini: "Inaccettabile"

Il preside vieta il presepe a scuola e scoppia la polemica, tra le proteste di alcuni genitori. L'istituto finito nel vortice delle polemiche è a Bergamo, all'istituto De Amicis nel quartiere Celadina. Il preside della scuola, Luciano Mastrorocco, ha vietato la realizzazione del presepe per non discriminare chi è fedele di religioni diversa da quella cattolica. All'istituto gli alunni non italiani sono il 30%, mentre in alcune classi si raggiunge il 50%.

 

Il caso - Un'insegnante nei giorni scorsi aveva chiesto di poter realizzare il presepe, ma il preside glielo ha impedito. "La scuola pubblica - ha dichiarato Mastrorocco al Corriere di Bergamo - è di tutti e non va creata alcuna occasione di discriminazione. In classe ognuno può portare contributo, ma accendere un focus cerimoniale e rituale può risultare soverchiante per qualcuno, che potrebbe subire ciò che non gli appartiene. Non sono l'anticristo, ma questo è l'orientamento che ho dato all'istituto da otto anni, quando sono arrivato qui. È stato un modo per rispettare tutti". Non mancano le proteste dei genitori, che parlano di divieto assurdo: "È giusto far crescere i figli secondo il nostro credo, poi da grandi saranno liberi se seguirlo oppure no".

La risposta della Lega - Ma al diktat del preside risponde Matteo Salvini: "Pazzesco. A Istituto De Amicis di Bergamo preside vieta il presepe. È questo modello di scuola che dovrebbe educare nostri figli?". Il segretario federale della Lega Nord ha annunciato via Facebook che oggi, alle 17,30 porterà all'istituto (Via delle Tofane, 1, Bergamo) un presepe in dono all'istituto di Bergamo, il cui preside quest'anno ha decisi di non allestire il presepe. "La favoletta che la cultura europea è figlia di tante cose, tra cui il Cristianesimo, non sta più in piedi - ha detto ancora Salvini - non va creata alcuna discriminazione... in questa scuola gli alunni non italiani sono il 30%... qualcuno potrebbe subire ciò che non gli appartiene... a scuola non ci devono essere simboli che dividono. Perchè togliere ai bambini, di qualunque razza e cultura, il bello del Natale?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RULI5646

    07 Dicembre 2014 - 18:06

    In ogni caso egr. COMUNISTOIDE STRONZO ricordi che per tutelare (ipocritamente) gli interessi di pochi (che nei loro Paesi nella migliore delle ipotesi ci sputano in faccia ) lei LEDE e soffoca Il DIRITTO di MOLTI che vogliono conservare TRADIZIONE e CULTURA di casa nostra. Se è talmente ottuso ed ignorante da non saperlo vada a consultare qualche testo di Storia (Serio, non scritto da STALIN)

    Report

    Rispondi

  • RULI5646

    07 Dicembre 2014 - 17:05

    COMUNISTOIDE STRONZO. Dimostra anche profonda IGNORANZA con la motivazione che fornisce, anche se risulta abbastanza chiaro che mostra di essere IGNORANTE perchè non ha la dignità ed il CORAGGIO di manifestare apertamente le sue idee: dunque STRONZO COMUNISTOIDE Il Provveditore dovrebbe intervenire con severità perchè questi sono i "soggetti" che hanno ridotto la scuola a STRACCI !

    Report

    Rispondi

  • Ganibar

    07 Dicembre 2014 - 17:05

    Il Preside ha ragione: la scuola pubblica è di tutti e non vi possono essere simboli religiosi che implicano una sorta di monopolio di una Fede specifica. Chi è religioso pratichi la sua Fede nei luoghi appositi, siano parrocchie, moschee, ashram o sinagoghe. Per quanto mi riguarda, io abolirei il Concordato, l'8 per mille e l'insegnamento della religione cattolica!

    Report

    Rispondi

  • spalella

    07 Dicembre 2014 - 16:04

    Non è rispetto per gli immigrati, E' SOLO TENERE LA RELIGIONE NELLA SFERA PERSONALE e PRIVATA DELLE PERSONE. La religione NON è OBBLIGO, Non nei Paesi CIVILI. I Luoghi Pubblici sono di Tutti, non del privato e del suo Privato Sentire. SEI UNA PERSONA CON SENTIMENTI RELIGIOSI ? ALLORA CERCA I LUOGHI RELIGIOSI, o casa tua, e non quelli Pubblici. E LE TASSE VOGLIO PAGARLE ALLA SOCIETA' LAICA !!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog