Cerca

Delitto di Ragusa

Loris, l'auto della madre per sei minuti sul luogo del ritrovamento del cadavere. Bimbo coi polsi legati

Loris, l'auto della madre per sei minuti sul luogo del ritrovamento del cadavere. Bimbo coi polsi legati

Ad una settimana dalla morte del piccolo Loris Stival, continuano senza sosta le indagini di polizia e carabinieri per far definitivamente luce sul suo omicidio. L'analisi continua da parte di polizia e carabinieri delle immagini riprese da una quarantina di telecamere di videosorveglianza sparse per il paese ha ricostruito la mattina di sabato scorso evidenziando le incongruenze nei racconti della madre del piccolo. L'auto della 25enne, in base a quanto sarebbe emerso, il giorno della scomparsa del figlio non avrebbe mai raggiunto la scuola ma sarebbe stata ripresa mentre transita vicino la strada che porta al Mulino Vecchio, dove lo stesso giorno viene trovato il cadavere del figlioletto. "Va fatto rilevare - annotano polizia e carabinieri - che a circa 50 metri dal termine del sopracitato curvone, vi è l’ingresso della strada poderale che conduce al Mulino Vecchio". 

Le ultime scoperte degli investigatori - Secondo gli ultimi dati a disposizione degli inquirenti, due telecamere riprendono la Polo di Veronica, la mattina di quel sabato, mentre impiega nove minuti per percorrere un tratto di strada vicino al Mulino Vecchio, che normalmente si percorre in tre minuti. E' ora compito degli investigatori capire cosa sia accaduto in quei sei minuti di troppo. Inoltre, quando è stato ucciso, o poco prima, a Loris Stival sono stati legati i polsi, in modo da tenergli le mani attaccate l'una all'altra. L'autopsia infatti ha accertato segni evidenti, provocati probabilmente dalle stesse fascette utilizzate per ucciderlo, solo sulla parte superiore di entrambi i polsi.

 

Le urla disperate dal balcone - "Io ho detto la verità, sono innocente, qui sono tutti contro di me". Sono le parole di Veronica Panarello, madre del piccolo Andrea Loris Stival, urlate questa mattina, sabato 6 settembre, dal balcone di casa, a Santa Croce Camerina, in riferimento ai forti dubbi degli investigatori sulla sua ricostruzione dei fatti.

Lo zainetto - Gli elicotteri dei carabinieri si sono alzati in volo alle undici di questa mattina, nella speranza che una perlustrazione dall'alto, col fine di ritrovare lo zainetto blu di Loris. Un ricerca fin'ora che non ha dato i risultati sperati e così, verso mezzogiorno il maggiore Cassin, comandante della compagnia di Ragusa, ha dato l'ordine di rientrare.

La fascetta a 3 km - Nel frattempo un pensionato, passeggiando, ha rinvenuto una fascetta da elettricista da 40-50 cm, in località Puntasecca, a oltre 3 km da località Mulino Vecchio. Secondo i primi accertamenti, non ci dovrebbero essere legami con la vicenda di Loris ma serviranno altri esami. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cicerone62

    09 Dicembre 2014 - 07:07

    ma non vi vergognate? come prima pagina l articolo su una vicenda familiare invece di aprire con lo schifo fatto ovunque in italia dalla corruzione bipartisan della destra e della sinistra .armi di distrazione di massa , voi non siete giornalisti siete solo dei pennivendoli che aiutano il marciume di questa classe politica a dilagare

    Report

    Rispondi

  • giov.macca57

    07 Dicembre 2014 - 13:01

    Ma se il bambino è rientrato a casa, perchè dalle telecamere non si vede piu' uscire nè da vivo e nè da morto?

    Report

    Rispondi

    • mercantimarco

      07 Dicembre 2014 - 15:03

      Perché in teoria aveva 2 modi di entrare e uscire da casa. Dalla porta principale dove la telecamera ha ripreso il bambino tornare indietro e quindi mai andato a scuola... è una direttamente dal garage... interna dunque al palazzo dove ovviamente non arrivanonimi le telecamere. In teoria......

      Report

      Rispondi

  • massimomazzu63

    07 Dicembre 2014 - 10:10

    Immagino che gli inquirenti abbiano verificato gli orari nelle telecamere (cosa normale che non siano tutte sincronizzate) e che quei nove minuti alla fine sono veramente 3. che i giornalisti la smettano di fare gli investigatori e di fare ipotesi suggestive. Lasciate lavorare gli inquirenti ed attentevi ai fatti e informate correttamente. Grazie

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    07 Dicembre 2014 - 09:09

    finora solo incongruenze, per ultimo visto il bambino dirigersi verso il Mulino vecchio che è stato detto dista circa 4 km. La madre è colpevole, quindi avrebbe fatto tutta da sola. Ma se è stato detto che non si tiene nemmeno in piedi tanto che si deve far sorreggere? però nel frattempo lei frequenta un corso di Bimbi, come ci va sulla sedia a rotelle. Tanto per infilarmi nella discussione....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog