Cerca

Il giallo di Ragusa

La mamma di Loris usò le fascette quando tentò il suicidio

La mamma di Loris usò le fascette quando tentò il suicidio

Veronica Panarello, la mamma di Loris, una ragazza fragile, con un passato di drammi. Qualche giorno fa lei stessa raccontò i suoi infelici trascorsi agli inquirenti. Raccontò di aver tentato il suicidio due volte, una molti anni fa, un'altra più di recente dopo la nascita del secondo figlio. Disse che sua madre, che le ha dato quattro sorelle con quattro papà diversi non l'aveva mai voluta. Disse che sognava una vita felice. Ma ora emerge un particolare inquietante. Veronica, riporta il Corriere della Sera, tentò il suicidio usando una fascetta da elettricista, la stessa che presumibilmente è stata usata dall'assassino per uccidere il piccolo Loris. Una versione, quella del quotidiano di via Solferino, smentita però dall'avvocato della Panarello, che ha negato non solo l'ipotesi delle fascette ma anche la notizia del tentato suicidio della sua assistita.

Resta comunque il giallo delle fascette, macabro filo conduttore di questo delitto. Quelle fascette che Veronica ha consegnato alle maestre il giorno in cui loro erano andate a trovarla per farle le condoglianze. Fatto quantomeno strano visto che - come spiegano le stesse maestre - "quelle fascette non vengono usate a scuola per nessun tipo di attività". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghinoditacco2

    07 Dicembre 2014 - 11:11

    Forse non sarebbe male allentare la morbosa attenzione dei media. Si sta profilando una situazione che, nata come tragica, potrebbe rivelarsi ulteriormente drammatica. Diamo un pò di pace a quel povero bambino.

    Report

    Rispondi

blog