Cerca

Il giallo di Ragusa

Loris, la frase che sconvolse la vita della madre: "Sei nata per sfortuna"

Loris, la frase che sconvolse la vita della madre: "Sei nata per sfortuna"

"Aggressiva e violenta". Così descrive sua figlia Veronica la signora Carmela ricordando di quando era bambina. "Era affetta da manie di persecuzione. Fino all'età di 7 anni era seguita e curata da uno psicologo. Poi s'è rifiutata". Era categorica Veronica Panarello, adesso in carcere con la terribile accusa di aver ucciso suo figlio Loris. Non solo si rifiutò di andare dallo psicologo, ma anche di continuare a vedere la madre. La Stampa racconta che aveva troncato ogni rapporto con la genitrice da quando, appena quattordicenne, dopo una lite furibonda la signora Carmela le aveva urlato: "Tu sei nata per sfortuna" sbattendole in faccia il fatto che quello che conosceva non era il vero padre, che era nata da una relazione occasionale. Veronica se ne va di casa e non l'ha più voluta rivedere. Cerca il papà, ma quando lo trova è un trauma: è in quell'occasione che prova a suicidarsi bevendo candeggina (il legale smentisce). Fatto sta che solo con Davide sembra ritrovare quella serenità che le era mancata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    30 Marzo 2015 - 12:12

    Se è nata per sfortuna potevano usare il preservativo.Pensarci prima no?Temo che questa povera crista sia stata abbandonata fino dalla più tenera età.

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    10 Dicembre 2014 - 20:08

    eh bè...la madre che non si pretende sia una psicologa ma forse era meglio che glielo spiegasse in altro modo....ma allora non è che ha preso forse dalla madre...??

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    10 Dicembre 2014 - 10:10

    povera figlia e come dice haidiforking di fb per prima dal psicologo ci deve andare la madre e pure la sorella, che cattiveria in queste due donne. Per rancori infantili sono disposte a sostenere che la madre ha ucciso il suo bambino. La realtà dei fatti è come dice la l'avvocato della madre, indagini troppo frettolose, non è chiaro nulla, di deve ricominciare punto per punto dov'è la verità.

    Report

    Rispondi

blog