Cerca

Il caso

Omicidio di Yara, un "punto" a favore di Massimo Bossetti: nessuna sua traccia nell'auto e nel furgone

Massimo Bossetti e Yara Gambirasio

Un "punto" a favore di Massimo Bossetti, l'unico sospettato per l'omicidio di Yara Gambirasio, in carcere dalla scorsa estate. I carabinieri del Ris di Parma hanno cercato e analizzato tutto sul suo furgone Daily Iveco, senza però trovare nulla: né materiale biologico, né impronte digitali, né fibre. Medesimo risultato dalle analisi sulla Volvo V40 e sugli abiti dell'uomo. La relazione è stata depositata al pm Letizia Ruggeri. Un'indiscrezione, non ancora confermata per via ufficiale, ma data per certa: non è stata trovata alcuna traccia. Proprio come Bossetti aveva detto all'indomani delle perquisizioni, pochi giorni dopo il fermo: "Cerchino ovunque, ma non troveranno nulla contro di me".

Gli altri tasselli - Certo, gli investigatori non confidavano più di tanto nella possibilità di trovare tracce a distanza di tre anni e mezzo dall'omicidio. Ma gli accertamenti - irripetibili - dovevano essere fatti, e il loro risultato è un punto a favore dell'indagato. In totale sono stati 34 i reperti analizzati, presi dagli agenti dello Sco in casa di Bossetti lo scorso 23 luglio: tra questi anche un giubbotto da lavoro e un aspirapolvere. Per completare la relazione, ora, mancano i resoconti sui telefonini e sui due pc del carpentiere di Mapello. Se anche su questi reperti non fosse trovato nulla, spiega la difesa, sarebbe un altro elemento a favore di Bossetti. L'accusa, da par suo, continua ad insistere sul peso determinante del Dna trovato sugli slip e i leggings di Yara: resta qualche dubbio sulla traccia (potrebbe non essere sangue), ma di sicuro è il codice genetico di Bossetti. La difesa, però, insiste affinché il test venga ripetuto sin da quando furono estratti gli indumenti della vittima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog