Cerca

Dal carcere

La lettera di Veronica al marito: "Ti amo ancora, ma tu..."

La lettera di Veronica al marito: "Ti amo ancora, ma tu..."

E' appena stata trasferita nel carcere di Agrigento da quello di Catania, Veronica Panarello. La mamma di Loris, accusata di aver ucciso il piccolo attraverso il suo avvocato Francesco Villardita lancia un appello a suo marito Davide Stival che non crede alla sua innocenza: "Come puoi lasciarmi così', dopo dieci anni ti amo ancora". La donna continua a ripetere di non aver ucciso il piccolo, dice che pensa tutto il giorno a Diego, l'altro figlio che ha appena compiuto tre anni. "Lo so che tutte le sere chiede di me, lui non dorme mai senza di me". Veronica ha saputo che la sua corona di roselline bianche è rimasta fuori dal sagrato della Chiesa il giorno dei funerali del piccolo Loris. "Soffro molto per chiesto, mi chiedo come Davide abbia potuto permettere tutto questo".  Il suo avvocato Francesco Villardita, dopo averla incontrata ha detto che "Veronica Panarello non ha potuto vedere le immagini del funerale del figlio ma ha spiegato che ha preso troppo male, troppo male che il cuore di fiori non sia stato fatto entrare in chiesa", Villardita ha poi raccontato che "il padre di Veronica è stata a trovarla ieri, e ha definito l'incontro dolcissimo tra padre e figlia". Al marito, ha puntualizzato l'avvocato, "ha inviato due lettere", e non una. "Come puoi pensare di non conoscere tua moglie?", avrebbe scritto la donna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog