Cerca

L'omicidio di Ragusa

Loris, parla il padre Davide Stival: "Se non scopro la verità al più presto impazzisco"

Loris, parla il padre Davide Stival: "Se non scopro la verità al più presto impazzisco"

"Se non scopro al più preso la verità su quanto è realmente accaduto, rischio di impazzire". E' un Davide Stival distrutto dal dolore quello che, tramite il proprio legale, Daniele Scrofani, svela il suo precario mentale e psicologico a quasi un mese dall'omicidio del piccolo Loris. L'imputata numero uno ancora la madre Veronica Panarello, ma la moglie di Davide continua a proclamarsi innocente dall'accusa di infanticidio.

Parte civile - "Quella di costituirsi parte civile è una scelta tecnica che valuteremo assieme io e il mio assistito - spiega il legale Scrofani, che aggiunge - al momento parlarne è assolutamente prematuro perchè siamo nella fase delle indagini e non c'è un imputato. Se e quando si andrà a processo, valuteremo la strada migliore da intraprendere". La Panarello nei giorni sorsi aveva spedito al marito la lettera struggente in cui cercava conforto e appoggio implorando al marito di crederle ("Siamo sposati da ben dieci anni e ancora non mi conosci davvero? Come puoi nutrire dubbi sulla mia colpevolezza nell'omicidio di nostro figlio?) ma Davide Stival, sempre tramite il legale, dichiara di non averla mai ricevuta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • salvapo

    26 Dicembre 2014 - 10:10

    purtroppo in Italiasi giudica sempre su indizi.Questa non è giustizia.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    23 Dicembre 2014 - 14:02

    intanto, al posto suo, chiederei il divorzio, giusto per proteggere l'altro bambino.

    Report

    Rispondi

    • marty.ele79

      27 Dicembre 2014 - 13:01

      esattamente....anche perchè se non è lei la mano omicida comunque sa e protegge assassino di suo figlio!!!!!!!!!!!!

      Report

      Rispondi

  • Cicci16

    23 Dicembre 2014 - 14:02

    caro davide o credo che la risposta la dovresti avere dentro di tè. sono dieci anni che ai vissuto insieme, il mio parere è che sia innocente ne sono convinto io che non la conosco . prova a crederci e starai molto meglio.

    Report

    Rispondi

  • luigifassone

    23 Dicembre 2014 - 11:11

    Può darsi che il marito non abbia ancora ricevuto la lettera della moglie...Con le Poste che ci ritroviamo (una lettera dalla Liguria alla Campania ha impiegato ben un mese e mezzo,quando l'utente - de che?... - avendo perso la speranza,aveva già rispedito il contenuto via RACCOMANDATA) che a breve venderanno i preservativi invece di fare il servizio postale...

    Report

    Rispondi

blog