Cerca

Automobilisti puniti

Le multe aumentano del 987%: ecco la mappa delle città più tartassate

Le multe aumentano del 987%: ecco la mappa delle città più tartassate

Siamo il Paese europeo con il più consistente incremento delle multe negli ultimi cinque anni: il 987%. Cifre da capogiro, riportate da Contribuenti.it. Fra divieti di sosta, passaggi in aree a traffico limitato e guida senza documenti siamo gli automobilisti più tartassati.

La classifica delle contravvenzioni - Ecco le dieci trasgressioni più multate. Al primo posto ci sono i divieti di sosta (da chi ha parcheggiato sulle strisce blu senza aver pagato a chi ha messo la macchina sulle strisce, o sul carico-scarico), a seguire l'uso del cellulare alla guida, l'eccesso di velocità (immortalato dai temibili autovelox), il passaggio col semaforo rosso, la guida senza casco, la guida senza casco, quella senza cinture di sicurezza, il passaggio nelle Ztl, il divieto di accesso, la guida senza patente e la guida senza documenti di circolazione o assicurazione. 

In Europa e in Italia - L'indagine commissionata da Contribuenti.it ha elaborato i dati delle Polizie locali e stradali dei singoli stati europei e stilato la classifica dei Paesi con il maggior incremento di contravvenzioni. Dopo l'Italia, nella lista nera figurano la Romania con il 124%, la Grecia con il 108%, la Bulgaria con il 102%, l'Estonia e la Slovacchia con il 94%, Cipro con il 91%. Fanalino di coda la Francia con il 30%, la Spagna con il 26%, il Belgio con 24%, l'Inghilterra con il 18%, la Germania con il 11% e chiude la Svezia con il 9%. A livello territoriale, in Italia le multe automobilistiche sono aumentate del 992% nel Nord Est, del 975% nel Centro, del 911% nel Nord Ovest, del 902% nel Sud e del 868% nelle Isole.

Le città - Dall'indagine è anche emerso che a Milano, Napoli e Aosta viene elevata una multa ogni 10 secondi; seguono Roma, Torino e Venezia con 12 secondi, Genova, Firenze e Bari con 13 secondi, Pescara, Bologna, Ancona e Perugia con 14 secondi, Caserta, Verona e Palermo con 18 secondi. Chiudono la classifica Potenza, Reggio Calabria Cagliari e Campobasso con 24 secondi. "Dai dati è emerso che solo 2 italiani su 10 pagano la multa senza contestazione", ha affermato Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it, "il restante 78% impugnano il verbale innanzi al Prefetto o il Giudice di pace".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • samuel80

    31 Dicembre 2014 - 17:05

    Il codice della strada si rispetta punto e basta; centuplicare l'importo delle sanzioni!

    Report

    Rispondi

    • eden

      31 Dicembre 2014 - 18:06

      Alle nostre istituz. interessa solo fare cassa e per questo si nascondono x beccarti all'improvviso, la stradale, vigili urbani ecc..., vadano a pattugliare le strade extraurbane, provinciali e statali, dove ci sono delinquenti che sorpassano con la doppia riga continua e in curva, dove ci sono stati molti morti, qui non li vedi mai i tutori della strada,perché?La sicurezza stradale non interessa!

      Report

      Rispondi

  • Renee59

    31 Dicembre 2014 - 12:12

    E noi, dobbiamo continuare a votare a chi permette questo schifo?

    Report

    Rispondi

  • totareo

    31 Dicembre 2014 - 12:12

    non capisco lo stupore. nel nostro paese la multa non è per sanzionare un pericolo ma per contribuire a rimpinguare le casse. l'italia fallita si sostiene solo a una tassazione nascosta come la multa. non è possibile parcheggiare nelle città , come evidenzia la magistratura, per far soldi si è concessa licenza edilizia a cani e porci sottraendo territorio ai legittimi proprietari. i cittadini

    Report

    Rispondi

  • gramissia

    31 Dicembre 2014 - 09:09

    Giusto così! È bene che tanti si diano una regolata e rispettino il Codice stradale. Pazzesco che paghino solo 2 su 10 ! Chi fa ricorso dovrebbe depositare il doppio della sanzione per poterlo effettuare.

    Report

    Rispondi

blog