Cerca

Stato di orecchioni

Intercettazioni, spendiamo 225 milioni. Milano e Palermo le più costose

Il rapporto Eurispes: nel 2011 spese salite dell'1,9% rispetto al 2008. Le due Procure hanno investito rispettivamente 36 e 32 milioni

Intercettazioni, spendiamo 225 milioni. Milano e Palermo le più costose

 

Una pioggia di milioni di euro per pagare lo "Stato orecchione". Le intercettazioni sono costate alle casse pubbliche 225.9 milioni di euro nel 2011, l'1,9% in più rispetto al 2008, per 135mila utenti controllati. Alla faccia della riduzione delle spese. E nella speciale classifica delle Procure più spendaccione e con le cornette del telefono più calde, spiccano Milano e Palermo: hanno speso rispettivamente la bellezza di 36,2 e 32,1 milioni di euro.

Nel 25° rapporto Italia 2013 dell'Eurispes si sottolineano anche esempi virtuosi: Campobasso, per esempio, ha speso in intercettazioni "solo" 239.723 euro, Potenza e Salerno 1,2 milioni. Le intercettazioni sono per la maggior parte telefoniche (121.072 bersagli), sequono quelle ambientali (11.888) e quelle informatiche/telematiche (2.573). Il paradosso è che se il numero di intercettati è in calo (nel 2010 erano 139mila), non accade così con il numero complessivo di intercettazioni. Logico che Milano e Palermo guidino la classifica, essendo le procure principali d'Italia. Ma il dubbio di eccessi e sprechi sorge spontaneo. Basterebbe ripensare alla vicenda della trattativa Stato-mafia, con la procura palermitana costretta dalla Cassazione a cancellare la telefonata tra l'ex ministro Nicola Mancino, indagato, e il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, non intercettabile in quanto appunto presidente. Oppure alle migliaia di ore di conversazioni fatte intercettare dai pm milanesi. Per la gioia di siti e quotidiani e solo in qualche caso utili davvero alle indagini.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    03 Febbraio 2013 - 19:07

    Purtroppo ti ho letto in ritardo,ma ti riprenderò,anche Ot. Non mi fare la Lectio Magistralis sulle intercettazioni tanto per arrampicarti sugli specchi.Se anch'io ti porto degli esempi su come si fanno le indagini all'estero,molti dei pm nostrani sarebbero in galera.Tutti vogliamo i delinquenti in galera,semmi il problema è l'opposto,in galera non ci finiscono i delinquenti.E prendendo spunto da questa realtà posso affermare che si intercettano anche chi non è un delinquente.Questo si chiama Stato di Polizia.Rileggiti la Costituzione e datti una guardata a questi video,invece di sparare delle cazzate. http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi /page/Page-d7e6dd26-d74b-4738-9102-8fba8c7e35f7.html

    Report

    Rispondi

  • afadri

    03 Febbraio 2013 - 07:07

    225 milioni per intercettare tutti, tranne che quelli di sinistra.

    Report

    Rispondi

  • Noidi

    01 Febbraio 2013 - 10:10

    Guardi che l'Italia è l'unico paese che paga le intercettazioni. Negli altri paesi, visto che le licenze di telefonia vengono date dagli stati stessi agli operatori di telefonia, le intercettazioni non si pagano. Inoltre in molti paesi non solo la polizia giudiziaria ha accesso/possibilità di richiedere intercettazioni. Negli stati uniti anche il fisco può richiedere le intercettazioni, senza pagare un Cent, ovviamente. Ma negli USA chi evade và in galera mica viene eletto. E comunque Lei ha mai visto un mafioso/delinquente con una carta SIM, ne hanno alme 10. Quindi se si intercettano 10.000 persono le utenze sono 10 volte tanto, se non di più. Inoltre seconde Lei visto che alcune intercettazioni sono inutili bisogna eliminarle tutte. Una piccola domanda: Lei ha qualcosa da nascondere?

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    31 Gennaio 2013 - 20:08

    Ti stai incartando fdrebin.Se i magistrati hanno raggiunto ottimi risultati sotto Silvio e meno con altri governi,se non sono meriti o demeriti dei politici che governavano deve essere giocoforza meriti o demeriti dei magistrati.Se poi sono solo 10.000 l'anno le persone intercettate risulta ancor più grave e spropositata la spesa di migliaia di milioni di euro.Questo dato ha una sola interpretazione,le intercettazioni si fanno a cazzo di cane e dopo,la naturale conseguenza sono le prescrizioni e gli annulLamenti per vizio di forma. fdrebin fatti un ceck-up mi sembri più confuso del solito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog