Cerca

Tragedia scampata

Gallipoli, scafisti camuffati tra i 796 migranti per evitare l'arresto

Gallipoli, scafisti camuffati tra i 796 migranti per evitare l'arresto

Un pool di investigatori composto da carabinieri, Guardia di finanza, Polizia e Capitaneria di porto, sta indagando sullo sbarco dei 796 migranti, in prevalenza siriani, avvenuto ieri a Gallipoli (Le). Le indagini si svolgono sotto il coordinamento del sostituto procuratore di turno della Procura di Lecce, Antonio Negro, che ha aperto un’inchiesta per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Diverse persone sono state sentite nelle scorse ore, alcune di queste sospettate di fare parte dell’equipaggio del cargo Blue Sky M, composto da 12 membri. Gli scafisti si sarebbero confusi con i migranti per cercare di sfuggire all’arresto.

Costi altissimi per migrare - Sotto sequestro sono state poste carte nautiche, Gps ed altro materiale ritenuto utile alle indagini che puntano a ricostruire anche la rotta della nave sin dal porto di partenza che dovrebbe essere quello turco di Mersin da dove il mercantile sarebbe partito due o tre giorni prima dell’approdo a Gallipoli. I migranti, per potersi imbarcare,
avrebbero pagato cifre tra i 5mila ed i 7mila dollari all’organizzazione che si è occupata di predisporre il viaggio. Se ciò dovesse essere accertato e provato, i responsabili dovrebbero rispondere oltre che di favoreggiamento, anche di sfruttamento dell’immigrazione clandestina. Tra i migranti c’è anche un gruppo di iracheni, ma la maggior parte di loro provengono dalle zone di Damasco ed Homs, in Siria, devastate dalla guerra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • apostrofo

    02 Gennaio 2015 - 10:10

    Fra un pò arriveranno con regolari navi da crociera, costa meno. Quelle che partono dalla Turchia ci chiedono di prendere i comandi delle imbarcazioni. Facciamolo,con un'ostetrica a bordo, visto che senza partoriente questi non partono, e dirigiamoci verso i porti di provenienza, scortati da vicino da una corvetta della Marina Militare ,che finalmente farebbe qualcosa di utile per l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • apostrofo

    02 Gennaio 2015 - 10:10

    Nuovo sistema: telefonare all'Italia e dire che l'imbarcazione è senza comando,non solo, ma che c'è una partoriente a bordo. Se non rimediano almeno una partoriente, non si parte. Questo da quando le imbarcazioni partono dalla Turchia piene di quei siriani che hanno transitato "velocemente" in turchia, perchè questa non li vuole e si sta liberando anche di quelli che c'erano entrati inizialmente

    Report

    Rispondi

  • luigin54

    02 Gennaio 2015 - 07:07

    riportateli a casa loro immediatamente vedrete che se facessimo cosi' non verrebbero + a scassare le palle. non ne vogliamo piu'!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • marco53

    02 Gennaio 2015 - 03:03

    L'unico da incriminare per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina è ALFANO. E' lui il vero scafista, il vero trafficante di uomini, il primo responsabile di questo scempio. Va arrestato e processato!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog