Cerca

L'inchiesta

Martina Levato: "Sono pentita, spero di poter finire l'Università"

Martina Levato: "Sono pentita, spero di poter finire l'Università"

"Sono pentita, so di avere fatto una cosa molto grave". Rinchiusa nel carcere di San Vittore, Martina Levato, 23 anni, per aver scagliato un contenitore di acido muriatico contro un ex compagno di liceo, Pietro Barbini. In un'intervista al Corriere della Sera, la ragazza che frequenta l'Università Bocconi di Milano, dice: "Spero di poter continuare a studiare e finire i quattro esami che mi mancano". Secondo la ricostruzione, Martina avrebbe aggredito Pietro assieme al compagno Alex Boettcher, 30 anni, dopo che il 22 enne con cui la ragazza aveva avuto un filrt le aveva consigliato di lasciare il fidanzato. Nel passato di Martina durante le vacanze dello scorso luglio in Calabria aveva tentato il suicidio, ingoiò molte pastiglie di Tavor e agli inquirenti spiegò che soffriva molto per la separazione dal suo compagno, che era in vacanza altrove.

L'inchiesta - Secondo quanto scrive il Corriere sarebbe proprio questo uno dei segnali di quell'attaccamento morboso che si era sviluppato tra i due amanti. Gli psichiatri dal carcere parlano di una personalità "con tratti sia dipendenti che, che passivo-aggressivi". In pratica, comportamenti da sottomissione, paura della separazione, aggressività covate e latenti. L'otto gennaio la coppia comparirà di nuovo di fronte al giudice. Oggi, accusati di lesioni, l'accusa potrebbe passare a "lesioni gravissime" con una pena da 6 a 12 anni. Perché l'acido muriatico provoca uno "sfregio permanente"  del viso e a livello giudiziario non conta se poi i chirurghi riusciranno ad lleviare i danni sul volto di Pietro, che aveva soltanto mandato un messaggio d'augurio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ketaon_01

    02 Gennaio 2015 - 14:02

    Devi restare in carcere e buttare via la chiave. Adesso tutte sante e piangono. Dovevi pensarci prima, Spero almeno in 20 anni di carcere. Una sentenza modello al fine di evitare altre cazzate come queste

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    02 Gennaio 2015 - 14:02

    Chi è veramente pentito non tenta di sfuggire alla giusta punizione, ma la accetta responsabilmente. Si becchi dunque i 12 anni di galera previsti dal codice penale per le lesioni gravissime inflitte al suo ex (dopo che aveva, in altra occasione, tentato di evirare altro suo ex) e ne riparliamo nel 2027.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    02 Gennaio 2015 - 10:10

    Suggerisco lavori forzati a vita. Studierà la sera al rientro in cella la 'dolce' compagna di ragazzi.

    Report

    Rispondi

  • cuciz livio

    02 Gennaio 2015 - 10:10

    Rinchiuderli e buttare la chiave!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog