Cerca

La sentenza

Loris, la mamma Veronica resta in carcere: la sentenza del Tribunale

Loris, la mamma Veronica resta in carcere: la sentenza del Tribunale

Nessun colpo di scena: Veronica Panarello resta in carcere. Il Tribunale della Libertà ha deciso che la donna, accusata dell'omicidio e dell'occultamento del cadavere del figlio Loris di otto anni, resta in carcere. Il Tribunale del riesame di Catania ha ritenuto quindi che esistono le  esigenze cautelari. La difesa di Veronica aveva chiesto di disporre un altro tipo di detenzione come gli arresti domiciliari o di annullare la carcerazione della donna. Ma i giudici hanno confermato la decisione del gip che aveva disposto la carcerazione. Ieri, un aula durante l'udienza Veronica è scoppiata a piangere non appena ha visto la foto del figlio Loris e ha detto: "Loris mi manca molto". 

La reazione - "Aspettiamo di leggere le motivazioni per ricorrere eventualmente in Cassazione. Resto convinto dell'innocenza della mia cliente e lo dimostreremo nelle sedi competenti". Così l'avvocato della Panarello Francesco Villardita ha commentato la decisione del Tribunale di Catania.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francoify

    francoify

    03 Gennaio 2015 - 20:08

    Che dire? IO spero solo che si tratti di conclusioni affrettate. C'è da dire che il fatto rimane grave, che un bimbo ha pagato con la vita la scelleratezza di qualcuno. Se Veronica sa qualche cosa parli, non abbiamo una giustizia disumana. Credo nella competenza dei giudici, ma ora è necessario un atto di coraggio. E chi sa parli..

    Report

    Rispondi

  • pietro.mondi918

    03 Gennaio 2015 - 18:06

    Su veronica Panarello ci sono soltanto indizi di avere riferito fatti non proprio veri alla P.G, nessun indizio che la riconduce all'omicidio del figlio Loris. Se è così che si amministra la Giustizia in Italia, poveri noi!

    Report

    Rispondi

  • ARDEL

    03 Gennaio 2015 - 18:06

    Possono essere indagini sbagliate o affrettate ma solo per la mamma di Loris, Non sono d'accordo per Bossetti perchè il DNA non vola sugli slip di una ragazzina…..

    Report

    Rispondi

    • bettely1313

      04 Gennaio 2015 - 17:05

      che valore può avere un DNA se poi la difesa non sa esattamente se esso sia veramente di Bossetti. L'accusa lo dice, poi però ci vuole un riscontro ripetendo il DNA in presenza del difensore del presunto colpevole. Ma gli inquirenti non sono dell'idea di ripetere il test e tu credi ancora che sugli slip di Yara ci sia veramente un DNA?

      Report

      Rispondi

    • lucaschiavoni

      04 Gennaio 2015 - 11:11

      trovare del DNA su una vittima non significa sapere chi l ha ucciso. altrimenti dovrebbero accusare di omicidio TUTTI quelli a cui appartiene il DNA.. non scherziamo su. col caso Loris ancora peggio: la madre è INNOCENTE fino a prova contraria, perché è in galera? Che prove hanno? Nessuna.

      Report

      Rispondi

  • antari

    03 Gennaio 2015 - 17:05

    Bum.

    Report

    Rispondi

    • blues188

      03 Gennaio 2015 - 19:07

      Eccolo il malato di sesso. Pensavo che Buzzi ti avesse fatto riflettere, ma forse Carminati è riuscito a recuperarti, antari?

      Report

      Rispondi

      • antari

        04 Gennaio 2015 - 12:12

        se tu fossi un utente normale, ti segnalerei che hai postato nell'articolo sbagliato. Ma tu non sei normale, sei pazzo, nel senso clinico del termine. Spero che l'anno nuovo ti porti tanti evasori lombardi (scoperti ed incarcerati)

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti

blog