Cerca

Il giallo di brembate

Yara, Massimo Bossetti: "Non ho ucciso io la ragazzina, il test del Dna è sbagliato"

Yara, Massimo Bossetti: "Non ho ucciso io la ragazzina, il test del Dna è sbagliato"

Dopo 200 giorni di carcere parla Massimo Bossetti. Il presunto killer di Yara Gambirasio rivendica la sua innocenza e prova a smontare le accuse dei pm. "Dal 16 giugno, il giorno del mio arresto, le hanno provate tutte per farmi confessare. Speravano che prima o poi sarei crollato. Ma non confesso un delitto che non ho commesso. Il killer di Yara non sono io, lo dimostrerò in aula, davanti ai giudici. Però vorrei un processo giusto. Anche nei tempi", afferma in un'intervista a Repubblica. E ancora: "Sono stato dipinto come un mostro — dice — accusato di un reato orribile. Ma io con la morte di quella povera ragazzina non c’entro niente. In carcere le rivolgo ogni giorno un pensiero. Spero che al processo venga fuori la verità".

Il dna - A questo punto parla del test del dna che finora è la prova principe dell'accusa: "Sul mio dna deve essere stato fatto un errore. Io, come ho sempre detto, non ho mai conosciuto né visto Yara. Dopo la Cassazione con il mio avvocato chiederemo eventualmente la ripetizione dell’esame del dna. Ammesso sia davvero mia, quella traccia potrebbe essere finita lì, come ho detto ai magistrati, a causa dell’epistassi di cui soffro da sempre. Anche sul lavoro. Il mio sangue potrebbe essere finito su degli attrezzi usati dall’assassino. In cantiere ho perso spesso sangue dal naso, lo sanno anche i miei colleghi. Non ho accusato nessuno, ma ho offerto spunti, piste alternative. Finora non mi hanno ascoltato".

Il furgone - Bossetti poi prova a smontare anche le accuse sulle registrazioni delle videocamere che avrebbero registrato il passaggio del suo furgone, il giorno dell'omicidio di Yara, vicino alla palestra dove andava la ragazzina: "Quelle immagini non provano niente. Ho raccontato e confermato che passavo sempre spesso, da Brembate di Sopra tornando dal lavoro. Anche per delle commissioni. Che il mio furgone sia stato ripreso per strada dalle telecamere non fa di me un assassino. Non ho mai fatto mistero delle mie abitudini, delle mie giornate. Ho raccontato tutto della mia vita, anche i particolari più intimi e privati. Ho ribadito di essere disposto a rispondere a qualsiasi domanda in nome della ricerca della verità. Dopodiché la mia memoria non è indelebile. Sfido chiunque a ricordarsi esattamente che cosa ha fatto quattro anni prima, soprattutto quando ha una vita fatta di giornate fotocopia, una identica all’altra. Il fatto è che hanno rivoltato la mia vita e non hanno trovato niente. Come non hanno trovato nessuna traccia riconducibile a Yara sul mio furgone e sulla mia auto. E nemmeno su tutto quello che hanno sequestrato con le perquisizioni in casa. Non avevo e non ho segreti, altrimenti credo sarebbero emersi".

Le minacce - Infine Bossetti parla delle minacce in carcere: "Sì, le ultime mi sono arrivate con una lettera spedita da un detenuto di un altro carcere. Mi ha scritto “quando esci ti stacco la testa e la porto ai Gambirasio”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    21 Gennaio 2015 - 10:10

    Il dna non indica niente, lo dice anche la madre di bossetti che i suoi figli sono del marito.

    Report

    Rispondi

  • lombardi-cerri

    18 Gennaio 2015 - 06:06

    Vi accorgete che se il colpevole non si presenta spontaneamente e dice : sono stato io, , la magistratura italiana non ne becca uno !

    Report

    Rispondi

  • francoify

    francoify

    06 Gennaio 2015 - 23:11

    Credo sarebbe un bene se nelle aule di giustizia venisse tolta la frase: "La legge è uguale per tutti." I marò sono ancora dipendenti dalla magistratura dell'India.. Alberto Stasi in libertà. Sono passati 20'anni dallo scandalo della sanità.. sangue infetto. "difetti di procedura.. " Giustizia forte con i deboli.. La magistratura sta diventando un potere incontrollato, ma interagente. Può piacere?

    Report

    Rispondi

  • goligo60

    06 Gennaio 2015 - 16:04

    tutte balle

    Report

    Rispondi

    • alex333al

      06 Gennaio 2015 - 17:05

      perché tutte balle ? tu l'hai visto, eri li quando è successo, no, allora perché lo riteni un assassino senza prove certe?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog