Cerca

Caso Stival

Facebook, il papà di Veronica Panarello chiede aiuto: "Ci servono soldi per il processo"

Facebook, il papà di Veronica Panarello chiede aiuto: "Ci servono soldi per il processo"

Nel terribile giallo sulla morte del piccolo Loris Stival, per la giustizia italiana, un sospettato c'è e si chiama Veronica Panarello, la stessa madre del piccolo che fu ritrovato morto il 29 novembre scorso: omicidio volontario, aggravato dal legame di parentela, e occultamento di cadavere queste le accuse che hanno fatto seguire il fermo della donna. L'hanno abbandonata tutti, anche il marito, solo il padre, Francesco Panarello, non l'ha mai lasciata sola e si è sempre schierato dalla sua parte creando anche una pagina facebook sulla quale riunire tutti i suoi sostenitori per far capire alla figlia che non è sola. In questi giorni dalla stessa pagina "Veronica è innocente" parte un grido di aiuto, si richiede ai sostenitori di mettere mano al portafoglio e sostenere la causa anche con soli 10 euro, infatti le spese del processo sono troppo ingenti per il solo papà Francesco, anche perché la sua nuova famiglia, ovvero il marito, si è costituito parte civile contro di lei. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cicalino

    15 Gennaio 2015 - 04:04

    Emettere sentenze premature in un modo o nell'altro è sbagliato, eccessivi quando arrivano ai toni accorati difensori (ma anche di colpevolisti) improvvisati...Per questo c'è la giustizia alla quale bisogna affidarsi in fiducia, in quanto oggi i giudici sono molto attenti a condannare! Mi pare che la soluzione stia arrivando, ma senza contributi impegnativi, c'è pur sempre un bimbo assassinato !

    Report

    Rispondi

  • luigilatteri

    12 Gennaio 2015 - 23:11

    Troppo facile parlare "Veronica è innocente".

    Report

    Rispondi

  • afadri

    12 Gennaio 2015 - 18:06

    Caro padre di Veronica. Capisco la sua richiesta. Ma sa quanti padri e madri richiedono le stesse cose per un figlio che è in carcere e che dicono innocente. Si tratta di una richiesta poco sensata. Se il vostro avvocato che vi difende è veramente sicuri dell'innocenza di sua figlia ecco che potrebbe fare uno sforzo economico e portare a termine il mandato senza pesare sul vostro borsellino.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    12 Gennaio 2015 - 15:03

    E io dovrei pagare per far liberare un'eventuale assassina? Se lo avesse chiesto il papà del bimbo un pensiero lo farei

    Report

    Rispondi

blog