Cerca

La liberazione delle italiane

Renzi fugge da Greta e Vanessa: pioggia di insulti sul web

Renzi fugge da Greta e Vanessa: pioggia di insulti sul web

Dopo la liberazione di Greta e Vanessa è l'ora delle polemiche. Sotto accusa è finito il governo che avrebbe pagato un riscatto da 12 milioni di euro ai jihadisti di Al Nusra. L'ipotesi del pagamento di un riscatto era stata lanciata da fonti siriane. La trattativa sul riscatto è stata poi smentita dal governo, dal ministro degli Esteri Gentiloni. Ma i dubbi restano. E in pochi credono ad una liberazione "gratis" delle due ragazze. Un altro indizio che porta in questa direzione è l'assenza del premier Matteo Renzi durante le fasi dell'accoglienza delle due ragazze nel loro rientro in Italia. Renzi ha preferito un basso profilo evitando di passare alla "cassa" mediatica. Forse ha qualcosa da nascondere? O qualcosa di cui vergognarsi? Intanto la notizia della liberazione di Greta e Vanessa e il probabile pagamento di un riscatto non è stata accolta bene da buona parte dell'opinione pubblica che sul web sfoga la propria rabbia.

Le lettere - Il sito Dagospia.com ha raccolto alcune lettere di diversi lettori che hanno protestato e insultato le due ragazze. Va detto che gli insulti in ogni caso vanno condannati, soprattutto in casi come questi. "Greta e Vanessa: potremmo sapere, una volta per tutte, quanto guadagnano al mese? Un piccolo reato di finanaziamento "esterno" al terrorismo non si potrebbe introdurre?", scrive uno dei lettori a Dagospia. E ancora: "In nome della vita, salvate ragazze rapite (sicuro?). Greta e vanessa atterrano a roma gentiloni le accoglie, Scontati incontri con Boldrini, eventuali candidature, trasmissioni in RAI (tre), ecc.. Pagato riscatto (anche se legge italiana vieta pagamenti riscatti). Stato italiano finanziatore azioni terroristiche di morte (e la vita?, vabbé, sottigliezze). Signor DIO, esisti? E allora fatti sentire, da bravo. APPALESATI, e che cazzo!!!", scrive Sandro Michetti. "Caro Dago, per liberare Vanessa e Greta "grande lavoro di squadra"; col cazzo, grande lavoro di portafoglio! Ma perché non hanno usato quei 12 mln per riportare a casa i marò?", scrive invece Ran. Infine qualcuno avanza anche qualche dubbio: "Evviva, altre due vispeterese liberate ( coi nostri soldi !). Cara Magistratura La prego di indagare, oltre a chi abbiamo finanziato, anche se per caso non si siano divise il malloppo tra loro ed eventuali complici". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cesare66

    18 Gennaio 2015 - 08:08

    Perché due ragazze giovani e carine vanno in un territorio impestato di delinquenti di varia natura? Per potare aiuto, e ragazzini con il mitra sotto il braccio? A l'Isis finanziato dai delinquenti delle nazioni arabe che vogliono conquistare l'Occidente con la morte dei suoi abitanti. Tutto questo non è credibile, non è plausibile.

    Report

    Rispondi

  • resistenteallaglobalizzazione

    18 Gennaio 2015 - 07:07

    Distrazione di massa. Distrazione della massa. A cosa servono se non a distrarre il popolo pecora casi come quello delle due cooperanti "rapite" siria? Il governo parla di intervento per salvare cittadini italiani? Bene, ricordiamo che nei primi 9 mesi di quest’anno in Italia sono cresciuti del 59,2% i suicidi per cause economiche. Portando a 402 i morti dal 2012... Ma di questo nessuno ne parla,

    Report

    Rispondi

  • kinowa

    17 Gennaio 2015 - 20:08

    Ora saranno invitate, a pagamento, dai numerosi salotti televisivi e qualcuno scriverà a loro nome un libro , cosi si arricchiranno anche coi proventi delle vendite. Viva L'Italia

    Report

    Rispondi

  • routier

    17 Gennaio 2015 - 20:08

    Adesso tra comparsate in TV, interviste sui quotidiani o settimanali alla moda, inviti a convegni vari, conferenze, ecc. nostro malgrado ce ne dovremo fare una scorpacciata. Francamente ne faremmo a meno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog