Cerca

Sull'Huffington

Greta e Vanessa, Lucia Annunziata: "Basta polemiche, il loro inferno l'hanno già vissuto"

Greta e Vanessa, Lucia Annunziata: "Basta polemiche, il loro inferno l'hanno già vissuto"

Basta polemiche e accuse a Greta e Vanessa. Loro, la punizione, l'hanno già subita: sono i sei mesi di prigionia in Siria. Lucia Annunziata, dal suo blog sull'HuffingtonPost, vuole chiudere il caso delle due volontarie italiane rapite in Siria e liberate, forse dietro pagamento di un lauto riscatto. Non è il momento dei veleni, spiega la giornalista, perché la loro sofferenza è evidente: "I volti sbiancati di chi non ha visto sole e non ha visto speranza per mesi. Occhi che hanno visto cose che non avrebbero forse mai immaginato di poter vedere. Tacete vi prego, almeno oggi, almeno per qualche ora". Le due ragazze "sono reduci dall'inferno - scrive la Annunziata -. Hanno sbagliato loro ad andare, qualcuno a mandarle, noi a pagare - francamente non mi interessa". Di fronte a una "vita drammaticamente infranta", donne "ombre di se stesse e di tutte le donne, le migliaia e migliaia che in Medioriente e in Africa, e nell'Estremo Oriente ogni giorno, ogni ora, in questo stesso momento sono fatte schiave", occorre un po' di rispetto. Nella vicenda del rapimento la Annunziata vede lo specchio di una più generale guerra tra Islam e mondo intero: "un esercito di islamisti radicali che combatte per il dominio di tutti, l'Islam innanzitutto e noi occidente come prezzo laterale". La violenza subita dalle due italiane, in fondo, è inferiore a quanto subito nel mondo dalle yazide stuprate in Iraq, le sciite schiavizzate, le africane convertite a forza o le bambine utilizzate come bombe umane dai terroristi di Boko Haram. "E' ora di fare qualcosa. Non so cosa. Non ho ricette. Ma so che è ora di aprire una vera riflessione nazionale su questo conflitto, mettendo da parte ogni piccina polemica, ogni strumentalizzazione nazionale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ramadan

    18 Gennaio 2015 - 22:10

    caro karl oscar del 18.01 ore 11.11 sei tu che non hai capito. hewitt è d'accordo con me. infatti non ha risposto : chi tace acconsente non lo sapevi ?impara non è mai troppo tardi !

    Report

    Rispondi

  • massimomazzu63

    18 Gennaio 2015 - 19:07

    I volti erano bianchi per la vergogna!! Sanno benissimo cosa hanno combinato .. altro che volontariato. Sono andate VOLONTARIAMENTE ad aiutare i ribelli siriani. Che poi ne hanno approfittato per fregarle. In ogni modo basta guardare come è ingrossata vanessa per capire che non abbia proprio sofferto!!! Basta Con sta storia che fossero li per aiutare i bambini....

    Report

    Rispondi

  • p.pinciaroli

    18 Gennaio 2015 - 16:04

    io so per certo che uno che sta in prigionia per 5 mesi da quei pezzenti torna malnutrito e sconvolto, al contrario queste le ho viste contente e pure ingrassate. Andreotti diceva: a pensar male si fa peccato ma spesso ci si prende.

    Report

    Rispondi

  • frederich

    18 Gennaio 2015 - 09:09

    Queste due ragazze ,liberate con i soldi dei contribuenti ,non avevano i segni della sofferenza di una prigionia -come faceva rilevare un articolo su stampa straniera - è una vergogna

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog