Cerca

Centro sociale Dordoni

Cremona, scontri tra no global e Casapound: in coma un militante

Cremona, scontri tra no global e Casapound: in coma un militante

Tensione alle stelle a Cremona, dove ieri, a margine del derby Cremonese-Mantova, si è accesa una violenta rissa davanti allo stadio. Non ci sarebbe il tifo, tuttavia, all'origine degli scontri, bensì una matrice politica. I due gruppi facevano infatti riferimento rispettivamente al centro sociale Dordoni, di estrema sinistra, e a CasaPound Italia. Ancora da chiarire l'esatta dinamica dei fatti, ma gli stessi antagonisti hanno dichiarato di aver trovato in mattinata, vicino allo stadio, adesivi e volantini firmati CasaPound. Li hanno staccati e, nel pomeriggio, si sono recati allo Zini (l'impianto sportivo cittadino) in cerca di militanti di Cpi. I due gruppi si sono quindi trovati e ne è nata una violenta colluttazione. Ad avere la peggio è stato E.V., un cinquantenne membro del centro sociale, che ora è in coma, in trattamento con analgosedazione continua. La sua prognosi è altamente riservata. Meno gravi, ma comunque non lievi, le ferite riportate da un membro di CasaPound, che ha riportato ferite lacerocontuse al volto e una frattura delle ossa nasali, per una prognosi di 20 giorni. Ma non è tutto: in giornata, sempre a Cremona, un postino, sembra tesserato di CasaPound, sarebbe stato riconosciuto da un drappello di attivisti di sinistra, tanto da doversi asserragliare in un condominio a cui stava consegnando la posta per sfuggire a un probabile linciaggio. Insomma, il clima è infuocato. L'estrema sinistra, non solo a Cremona, è sul piede di guerra. Vari presidi antifascisti sono stati organizzati in diverse città e il prossimo 24 gennaio si terrà a Cremona un corteo. CasaPound, dal canto suo, respinge le accuse, spiega di essersi semplicemente difesa da un agguato in piena regola e invita i propri militanti "a non accettare provocazioni di alcun genere" e a "continuare a lavorare come sempre".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doberman

    19 Gennaio 2015 - 17:05

    Spero che guarisca presto , però bisogna essere solidali con tutti i feriti più o meno gravi.....purtroppo dalla solita parte non accade..............

    Report

    Rispondi

  • cabass

    19 Gennaio 2015 - 16:04

    "Ennesimo episodio di violenza inaudita"... Ma dove vive questo, sulla Luna? Anzi, no, su Marte, il pianeta ROSSO! Premesso che condanno l'accaduto, sarà la prima volta dopo non so quanti decenni che sento di un "kompagno" ferito dai "camerati". Di solito si legge il contrario!

    Report

    Rispondi

blog