Cerca

Flumeri (Avellino)

Giubbotti arancioni per gli immigrati, l'ordinanza del sindaco Pd

Giubbotti arancioni per gli immigrati, l'ordinanza del sindaco Pd

Gli immigrati di colore che si spostano di sera o di pomeriggio devono indossare un giubbotto catarifrangente. L'ordinanza del sindaco di Flumeri, in provincia di Avellino, Angelo Lanza, del Pd, ha scatenato un putiferio. E se il primo cittadino si difende ("lo faccio per il loro bene", "ci sono troppi incidenti lungo la ex Statale 91"), la Cgil lo accusa di discriminazione e razzismo.

Il provvedimento - Lungo quella strada sorge infatti un centro per immigrati che richiedono asilo. "Non mi ha mai sfiorato l’idea di mettere in atto un provvedimento discriminatorio: l'ordinanza che ho firmato ha il solo obiettivo di evitare il ripetersi di incidenti sempre più frequenti su quella strada, alcuni dei quali anche recentemente hanno fatto registrare tragiche conseguenze" ha spiegato Lanza. L'ordinanza, riporta il Corriere del Mezzogiorno, è stato notificata alla cooperativa locale che assiste gli extracomunitari, tutti giovani provenienti da paesi africani: "Da tempo avevo chiesto alla cooperativa di farsi carico della sicurezza dei nostri ospiti e di quella degli automobilisti, ma le sollecitazioni verbali sono cadute nel vuoto". Per questo è dovuto intervenire.

Non per tutti - Ma il provvedimento - e questo è il punto - è indirizzato solo agli extracomunitari e non agli altri cittadini di Flumeri. Il sindaco Lanza si giustifica: "Non essendo italiani non conoscono il codice della strada che, anche per i miei concittadini, impone una serie di precauzioni, come quella appunto di rendersi visibili agli automobilisti soprattutto se da pedoni percorrono una strada poco illuminata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zhoe248

    20 Gennaio 2015 - 15:03

    Sì, lallero.Le cooperative (roma docet) i contributi che prendono x fare assistenza agli extracomunitari li fanno sparire, altro che comprare giubbotti. Ma ancora danno soldi alle cooperative? Che poi saranno le stesse che hanno succursali in africa con il compito di spedire quella gente verso l'Italia, anticipando loro pure i soldi per il gommone. Inutile, l'italia è senza speranza

    Report

    Rispondi

  • fofetto

    20 Gennaio 2015 - 13:01

    ...e poi spedirli a Guantanamo! Scherzi a parte se è vero che da tempo il sindaco aveva chiesto alla (solita maledetta) cooperativa di preoccuparsi della incolumità dei "richiedenti asilo", perchè questa non ha provveduto? Non glie ne frega niente, devono risparmiare per mandare i soldi al P.C.I. (ops, scusate, volevo dire PD). Ci hanno rovinato, ci hanno. Maledetti sinistronzissimi.

    Report

    Rispondi

  • routier

    20 Gennaio 2015 - 13:01

    Se fosse stato un sindaco leghista gli ululati di protesta si sarebbero sentiti fin oltre Atlantico!

    Report

    Rispondi

  • cabass

    20 Gennaio 2015 - 12:12

    In effetti il tipo nella foto si vede solo perché ha una maglietta bianca, altrimenti sarebbe perfettamente mimetizzato nel buio! Il problema c'è davvero, non va buttato sul razzismo; piuttosto li si inviti caldamente a indossare abiti chiari quando girano di notte per le strade...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog