Cerca

Tangenti

L'accusatore di Penati nega tutto: "Costretto dai pm"

L'accusatore di Penati nega tutto: "Costretto dai pm"

Ha negato tutto, secondo un copione che fa tornare alla mente quelli di Tangentopoli. Coi giudici carcerieri e gli indagati "costretti" a confessare. Il copione è andato in scena al Palazzo di Giustizia di Milano dove, come riporta il quotidiano La Repubblica, ieri si celebrava una delle tappe del processo che vede coinvolto anche l'ex presidente della Provincia di Milano ed ex braccio destro di Pierluigi Bersani, Filippo Penati. A rimangiarsi quanto detto in precedenti interrogatori davanti ai pm Walter Mapelli e Franca Macchia nel febbraio 2013, è stato l'architetto Renato Sarno, considerato dagli inquirenti il "collettore delle tangenti" per Penati. Sarno, sentito per la prima volta in aula, è accusato di corruzione, concussione e finanziamento illecito insieme allo stesso penati ee a una decina di altre persone. "Gli interrogatori in manette - ha detto Sarno - sono stati frutto di una serie di angosciosi condizionamenti. Ho subito pressioni di tutti i tipi. Mi è stato chiaro che se non avessi detto qualcosa su Penati non sarei uscito da lì". Ha smentito che Penati gli disse, come l'architetto mise a verbale due anni fa, di aver dovuto comprare le azioni della Serravalle dal gruppo Gavio (238 milioni per il 15%). Nega soprattutto che il politico Pd gli rivelò di essere sostanzialmente obbligato a portare a termine quell'operazione perché gli venne imposto dai vertici del partito nella persona di Massimo D'Alema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    22 Gennaio 2015 - 12:12

    No problem. Una parte è stata cancellata grazie alle leggi ad personam, che evidentemente tanto ad personam non sono, varate dal vegliardo. Per il resto ci penserà la pressione del partito sui vari coinvolti. Tutto è lecito affinchè non si sappia in giro che loro magnano esattamente come gli altri. Tutti gli scandali della sx finiscono a tarallucci e vino!

    Report

    Rispondi

  • marcello marilli

    22 Gennaio 2015 - 11:11

    e ti pareva non accadesse qualcosa di simile ? ma ditemi però dove sono andati a finire i 170 milioni della tangente . Almeno quello

    Report

    Rispondi

  • alvit

    22 Gennaio 2015 - 08:08

    come volevasi dimostrare. Il soccorso rosso sangue, calmo calmo è arrivato. E' da sempre che dico che al momento del giudizio ci saranno riflessioni e spergiuri, da parte di questi idioti che sono ricattati dal partito della sinistra becera e vigliacca. L'architetto spontaneamente, certo in manette come è giusto che fosse, accusò l'inghippo, ora le toghe vili, rimedieranno.c.v.d.

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    21 Gennaio 2015 - 20:08

    Verrebbe voglia di lucidare la ghigliottina

    Report

    Rispondi

    • marcello marilli

      22 Gennaio 2015 - 11:11

      ma lo sa che mi ha fatto venire voglia anche a me ?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog