Cerca

La Capitale nel mirino dei jihadisti

Terrorismo: sui muri di Roma scritte in arabo che inneggiano all'Isis

Terrorismo: sui muri di Roma scritte in arabo che inneggiano all'Isis

"Siti jihadisti non hanno esitato a evocare Roma come obiettivo della guerra santa. Anche a voler ritenere che la città eterna, culla della cristianità, di cui si vagheggia la conquista, sia stata evocata con riferimento al suo valore simbolico, è bene non sottovalutare il pericolo e tenere alta la guardia". Il procuratore generale facente funzioni della corte d’appello di Roma Antonio Marini ha voluto dedicare un ampio capitolo della sua relazione per l’anno giudiziario alla minaccia terroristica di matrice jihadista. "Sui muri della capitale - è l’allarme del magistrato - sono apparsi slogan e scritte in arabo che inneggiano ai guerrieri di Allah, con accanto il disegno della bandiera nera dell’Isis, divenuta ormai un’icona del terrore".  

Le scritte - Come quelle apparse a settembre sui muri di uno dei sottopassi di via Casilina: scritte che inneggiano ai guerrieri di Allah, alla distruzione dei nemici americani, al Dio che non dimenticherà chi, durante la vita terrena, non si è convertito all'Islam. E a pochi metri dalle scritte, spunta quell’inequivocabile bandiera, diventata ormai una icona del terrore. "Ci vendicheremo delle stragi degli americani", "Allah è grande", 2Maometto è l’unico profeta", «Dove sono i guerrieri di Dio?" si legge sulle pareti imbrattate sul tratto di strada tra Tor Vergata e Torre Angela. E poi ancora: "Ogni guerra contro di noi è una guerra persa", "Allah ti dà tempo, ma non si dimentica di te", "Siria!". 

Cellule dormienti - A  giudizio del Pg Marini "fra i principali fattori di rischio c’è l’accelerazione improvvisa di cellule dormienti", il fenomeno dei foreign fighters, così come il ruolo assunto dal web, che "costituisce un mezzo potente di propagazione della minaccia portata dall’Isis al mondo Occidentale".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wolfmax67

    25 Gennaio 2015 - 23:11

    Quando si perdono le radici culturali, religiose e storiche si rischia di perdere la propria identità. Questo significa non poter applicare le regole necessarie per difendere la sicurezza del territorio.

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    24 Gennaio 2015 - 14:02

    Le Autorità (?) si accorgono oggi che in Italia vi sono musulmani potenziali terroristi. Pensa un po' che scoperta...E questo in quanto sono comparse delle scritte che inneggiano alla guerra santa contro i cani-infedeli. Da decenni moschee e centri di cultura islamici sono luoghi di produzione di documenti falsi e di arruolamento di fanatici. Ma le Autorità (?) sono sempre state cieche e sorde.

    Report

    Rispondi

  • Tritamarroni

    24 Gennaio 2015 - 13:01

    Quando l'Italia deciderà di impedire gli sbarchi con la forza? Si dovrà attendere il primo attentato sul nostro suolo?

    Report

    Rispondi

  • allianz

    24 Gennaio 2015 - 11:11

    E il Dentone ministeriale che fa?Retorica.Vale a dire vende fumo senza arrosto.Cacciatelo via.Mantenerlo ostinatamente in quella posizione vuole dire distruggere la SACRA PATRIA.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog