Cerca

In manette

Elena Ceste, la svolta: arrestato il marito Michele Buoninconti

Elena Ceste, la svolta: arrestato il marito Michele Buoninconti

Una svolta attesa, ma non per questo meno clamorosa: dopo mesi di voci e sospetti, i carabinieri di Asti hanno arrestato il marito di Elena Ceste, Michele Buoninconti. L'accusa è quello di omicidio volontario della moglie e di occultamento di cadavere. Ieri, mercoledì 28 gennaio, era stata depositata in Procura ad Asti la perizia autoptica, condotta dal medico legale di Alba, Francesco Romanazzi, sui resti del corpo della donna. In una recente intervista il marito aveva chiesto una rapida sepolutura, che avrebbe dovuto tenersi a Govone probabilmente il prossimo 7 febbraio.


I fatti - Ma da stamane alle 10 Michele Buoninconti è in stato di fermo, mentre l'uomo è stato portato in caserma, i carabinieri sono nella casa di frazione Motta a Costigliole per una serie di ulteriori rilievi, durante i quali sono stati sequestrati pc e cellulari dell'uomo e della sua cerchia familiare. L'uomo si è sempre dichiarato innocente, asserendo che la moglie uscita di casa nuda sarebbe morta di freddo, ma la perizia del medico legale ha certificato la morte mviuolenta della donna.I carabinieri hanno precisato che Buoninconti è stato arrestato per omicidio volontario premeditato su ordine del gip di Asti Giacomo Marson, che ha accolto la richiesta del pm. La tragedia nella tragedia ora i loro 4 figli sono rimasti senza genitori e per questo affidati momentaneamente ai familiari. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    29 Gennaio 2015 - 20:08

    un altro abbaglio degl'inquirenti. Basta riflettere quanto dice Michele a proposito della loro giornata faticosa: La sera pensavamo solo andare a dormire per riacquistare le forze per l'indomani, solo per questo motivo non avrebbe mai ucciso sua moglie. Per Michele sarebbe stato un lavoro gravoso, pensare ai bambini agli animali, andare a lavorare. Elena con FB si è messa nei pasticci senza ritorn

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    29 Gennaio 2015 - 17:05

    Io lo pensai all'inizio, quando lui raccontò: appena entrai in casa e sentii un silenzio tombale. Quel silenzio che ho sentito io per parecchio tempo dopo la morte di mio marito. Ma lui come faceva a intuire che la moglie era morta? Poteva stare in bagno o a letto.

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    29 Gennaio 2015 - 14:02

    I gip, non sapendo che pesci pigliare, intanto mettono in galera quello che più potrebbe somigliare al colpevole, anche se non hanno le prove. Tanto i risarcimenti per i loro errori li pagano i contribuenti. Però chi ne subisce le immediate conseguenze sono i figli. Lo mettessero in prigione solo dopo averne accertato senza alcuna ombra di dubbio la colpevolezza e non in base a ipotesi

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    29 Gennaio 2015 - 12:12

    Arrestato con quali prove? La morte violenta non dice Buoninconti colpevole.

    Report

    Rispondi

blog