Cerca

La polemica

Don Luigi Negri e la crisi economica: "E' tutta colpa dell'aborto"

Don Luigi Negri e la crisi economica: "E' tutta colpa dell'aborto"

"La crisi economica? E' colpa dell'aborto". Questa è la dichiarazione del vescovo di Ferrara, Don Luigi Negri riguardo la legge sull'omofobia e sull'aborto. Le parole del prelato vicino a Cl sono state chiare: "La legge contro l'omofobia è un delitto contro Dio e contro l'umanità. La legge sull'aborto invece non ha consentito di venire al mondo ad oltre sei milioni di italiani e la scarsità di figli ci ha fatto sprofondare in questa crisi economica". Queste parole hanno subito fatto scalpore, soprattutto tra i Giovani democratici, che hanno risposto con una lunga lettera pubblicata dalla Nuova Ferrara.

La lettera - "Pensavamo, inoltre, che il dibattito sul diritto d’aborto in uno Stato laico fosse ormai concluso. Purtroppo ci rendiamo conto non essere così.Tornare su questo tema, sostenendo tesi senza alcun fondamento, affermando che l’aborto sia responsabile della crisi che stiamo vivendo, lo riteniamo intellettualmente molto disonesto, così come lo è il cercare consensi in materia utilizzando un "nervo scoperto" rappresentato dalle difficoltà economiche in cui vertono le famiglie italiane.Togliendo la possibilità a donne in difficoltà, che si trovano davanti ad una scelta difficile e dolorosa, di poter ricorrere all'interruzione di gravidanza regolamentata per legge si favorirebbe la pericolosa e dannosa pratica, per la società e per l’individuo, dell’aborto clandestino.Significherebbe togliere alla donne quella dignità che con tanta difficoltà hanno conquistato.Se davanti a Dio, per l’arcivescovo, fatichiamo ancora ad essere tutti uguali, davanti alla legge, nello Stato italiano, vogliamo essere certi che l'uguaglianza venga garantita. Ecco perché torniamo, come nel passato, a sollecitare il Governo affinché si legiferi in materia di unioni civili e matrimoni omosessuali."

Contro Negri anche Sel - "Comprendo - ha detto il consigliere comunale Gianluca Fiorentini - che il Vescovo di Ferrara debba coltivarsi il proprio orticello nell'ultradestra cattolica, continuando a contrapporre, in una rinnovata crociata, la sua visione assolutistica a quello Stato laico nato dal Risorgimento e dalla Resistenza. Faccio un po' più fatica a capire come tutto questo possa aiutare la comunità cattolica ferrarese".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Beppe.demilio

    05 Febbraio 2015 - 14:02

    Don, se chi governato e governa non avessero agevolato l'immigrazione clandestina in Italia non avremmo avuto milioni di persone da mantenere e l'economia ne trarebbe notevoli vantaggi. Inoltre ,grazie agli ipocriti buonisti in politica ,nella chiesa ,tra i cittadini ,l'Italia è il paese che assiste più degli altri il mondo intero. Le ricordo che più tecnologia equivale a ridurre posti di lavoro.

    Report

    Rispondi

  • Horaf

    05 Febbraio 2015 - 11:11

    Che idiozia!

    Report

    Rispondi

  • davidking

    05 Febbraio 2015 - 08:08

    Stato laico nato dalla marcia massoneria caro Fiorentini.. disonesti e traditori siete voi che assecondate supinamente da decenni diktat sociali, culturali ed economici imposti dal "grande satana"....pagherete tutto a caro prezzo !!!

    Report

    Rispondi

  • GiancarloChiria

    05 Febbraio 2015 - 00:12

    Esiste lo stato laicale non lo stato laico ed è meglio così

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog