Cerca

Il giallo di Brembate

Massimo Bossetti a Matrix: "Voglio un processo equo"

Massimo Bossetti a Matrix: "Voglio un processo equo"

Massimo Bossetti scrive una lettera alla redazione di Matrix dal carcere. Una lettera in cui sostanzialmente chiede un processo equo e i domiciliari.  "Sto vivendo in un incubo. Chiedo il diritto ad avere un processo equo e di poter stare ai domiciliari come qualsiasi cittadino di cui ancora non è stata provata la colpevolezza". E ancora: "Io dal carcere vi vedo in televisione, ma non posso difendermi. La mia famiglia è stata colpita, eppure non sono ancora stato rinviato a giudizio. Sono qui dentro da 8 mesi. Chiedo il diritto ad avere un processo equo e di poter stare ai domiciliari come qualsiasi cittadino di cui ancora non è stata provata la colpevolezza. L'incubo che sto vivendo potrebbe viverlo chiunque". Massimo Bossetti prosegue: "Subisco senza nemmeno ancora poter conoscere tutti i documenti raccolti contro di me - scrive il muratore -. Subisco la forza dell'accusa che mi vuole a tutti i costi colpevole. Siccome il mio processo lo sto vedendo in televisione e non in tribunale, vi chiedo di dare il risalto a questa mio richiesta di scarcerazione (che sarà depositata venerdì) e difendere il mio diritto ad avere un processo equo e poter stare a casa ai domiciliari come qualsiasi altro cittadino di cui non e' stata provata ancora la colpevolezza".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    05 Febbraio 2015 - 16:04

    Questo è il dramma della giustizia italiana che permette alle TV di fare trasmissioni come quelle che osserviamo da ormai troppo tempo. Persone che si vedono processate in televisione senza che abbiano il diritto di difesa. Ma è mai possibile tollerare questo.! Uno schifezza indicibile per un paese civile. Ma l'Italia è ancora un paese civile.?

    Report

    Rispondi

  • afadri

    05 Febbraio 2015 - 16:04

    Questo è il dramma della giustizia italiana che permette alle TV di fare trasmissioni come quelle che osserviamo da ormai troppo tempo. Persone che si vedono processate in televisione senza che abbiano il diritto di difesa. Macine è possibile tollerare questo.! Uno schifezza indicibile per un paese civile. Ma l'Italia è ancora un paese civile.?

    Report

    Rispondi

blog