Cerca

Il caso

Nel santuario di Caravaggio le messe "ad personam" si possono pagare con il bancomat

Nel santuario di Caravaggio le messe "ad personam" si possono pagare con il bancomat

Nel santuario di Caravaggio, in provincia di Bergamo, si parla del "bancomat della fede". Si tratta di una modernissima apparecchiatura che consente ai fedeli di accendere candele o prenotare messe "ad personam", pagando elettronicamente. L'iniziativa è stata realizzata dal rettore del santuario, Don Gino Assensi, che aveva già tentato di introdurre questa innovativa singolarità lo scorso novembre. Tutto ciò ha subito sollevato l'interesse dei media e lo scalpore dei fedeli. Per utilizzare i macchinari bisognava essere dotati di carta di credito e ciò metteva in difficoltà i numerosi anziani che frequentano il luogo di culto.

Bancomat ripristinati - Il rettore aveva allora deciso di rimuovere i due bancomat, promettendo però che prima o poi li avrebbe rimessi al loro posto. Detto fatto Don Gino Assensi qualche giorno fa, nella newsletter settimanale che viene pubblicata sul sito ufficiale del Santuario, ha annunciato che le apparecchiature erano tornate al loro posto. Ambedue le macchine consentono di prenotare messe (senza data 11 euro; con data 16 euro) e devolvere offerte al Santuario per le sue strutture o per opere di carità, pagando con bancomat, postepay e carte di credito. "La macchina collocata in basilica - prosegue la newsletter - funge anche da “candeliere elettronico“ destinato a chi intende accendere candele sul luogo, oppure collegandosi al sito del Santuario da qualsiasi computer, smartphone e tablet. Ovviamente tutto ciò nulla toglie a chi preferisce gestire il proprio rapporto con il Santuario nelle modalità consuete".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • scorpius511

    11 Febbraio 2015 - 13:01

    Assurdo.

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    09 Febbraio 2015 - 16:04

    ma il nostro 8x1000 a cosa serve se poi le chiese chiedono offerte e fanno pagare i "servizi" che offrono ? è mai possibile che l'8x1000 non venga invece destinato alla ricerca scientifica: quella si che fa il bene dei sofferenti.

    Report

    Rispondi

  • alfa553

    09 Febbraio 2015 - 13:01

    Se dio esistesse avrebbe fatto piazza pulita di questi clericali schifosi e parassiti della società.Andassero a farsi una pera di ebola.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    09 Febbraio 2015 - 13:01

    che c'è di strano ? un'organizzazione che non produce nulla, visto che una messa NON è produrre, e che da millenni vive a Sbafo di chi lavora, è ovviamente all'avanguardia nel succhiare i soldi necessari a sopravvivere alle spalle dei gonzi... e, come si vede, avere una carta di credito NON vuol dire NON essere Un Gonzo, anzi...

    Report

    Rispondi

blog