Cerca

Appello

Sparatoria di Palazzo Chigi, 16 anni a Preiti

Sparatoria di Palazzo Chigi, 16 anni a Preiti

Condannato a 16 anni di reclusione e al pagamento delle spese di giudizio e a una serie di risarcimenti. È arrivata oggi dalla Corte d’Appello di Roma la sentenza di condanna per Luigi Preiti, l’uomo che il 28 aprile 2013 sparò contro quattro  carabinieri davanti a palazzo Chigi, mentre era in corso il giuramento di Enrico Letta, ferendone due, uno dei quali, Giuseppe Giangrande, rimase gravemente ferito. La Corte, presieduta da Giovanni Masi, ha confermato la condanna inflitta a Preiti con rito abbreviato dal gup di Roma. Il procuratore generale aveva chiesto per l’imputato un aumento di pena di due anni, ma i giudici di secondo grado non hanno accolto la  richiesta. Preiti è stato anche condannato a pagare le spese di  giudizio e una serie di risarcimenti, sia alle parti civili sia al  ministero della giustizia. In particolare, le spese sostenute dai familiari sono state quantificate in 4.800 euro, al ministero sono state riconosciute spese per 1.800 euro mentre 1.440 euro saranno liquidate a un’associazione Onlus. Ad assistere alla lettura della sentenza c’era in aula anche Martina Giangrande, figlia del sottufficiale rimasto gravemente ferito sparatoria.

"Non ho nulla da dire e a Preiti non devo mandare a dire nulla" ha detto la ragazza. "Sono soddisfatta della sentenza. Quanto a mio padre è stabile e questo per me è già un grosso risultato". Era la mattina del 28 aprile 2013 quando Luigi Preiti aprì il fuoco davanti Palazzo Chigi mentre era in corso il giuramento del governo Letta ferendo due carabinieri. Da quel giorno per Giangrande, 50 anni, originario di Monreale, è iniziato un lungo e difficile percorso di
riabilitazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Yossi

    11 Febbraio 2015 - 15:03

    Kabobo poverino ha l attenuante di essere africano, vittima del colonialismo, dello sfruttamento dell occidente e della società italiana che non ha fatto nulla se non discriminarlo, non darli un reddito per consentirgli di andare avanti in attesa di un lavoro che gli spettava di diritto.......ah dimenticavo, questa opulenta società non è stata nemmeno in grado di dargli una casa, andava assolto

    Report

    Rispondi

  • routier

    11 Febbraio 2015 - 11:11

    Preiti ferisce un carabiniere e prende 16 anni. Kabobo ammazza tre passanti e tenta l'omicidio di altre due persone, ed è condannato a venti ! Nei tribunali c'è scritto che la legge è uguale per tutti. Sarà ! Ma lo stesso vale anche per i magistrati ?

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    11 Febbraio 2015 - 10:10

    Quasi quasi gli conveniva arruolarsi e partecipare a operazioni terroristiche.

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    11 Febbraio 2015 - 10:10

    Preiti non ti angustiare per la sentenza, tanto tra poco sarai libero

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog