Cerca

Processo costa Concordia

Francesco Schettino piange in aula: "Quella sera sono morto anch'io"

Francesco Schettino piange in aula: "Quella sera sono morto anch'io"

«Quel 13 gennaio di tre anni fa sono morto anch’io». Così ha esordito Francesco Schettino, che si è anche commosso in aula, rendendo dichiarazioni spontanee nell’ultima udienza al processo per il naufragio della Costa Concordia. “È stato detto che non mi sono assunto le mie responsabilità e che non ho chiesto scusa per quello che è accaduto: non è vero. Sono sempre stato della convinzione che il dolore non va esibito per non strumentalizzarlo”. Francesco Schettino ha reso dichiarazioni spontanee a conclusione dell’udienza leggendo un testo, e proprio quando pronunciava queste frasi ha cominciato a emozionarsi e a singhiozzare nell’aula del Tribunale di Grosseto.
“Mi vedo costretto a raccontare momenti intimi che ho vissuto con alcuni naufraghi...", ha continuato con la voce rotta dal pianto l’ex comandante della Costa Concordia. Poi non riuscendo a proseguire la lettura del testo che aveva preparato, tra le lacrime ha aggiunto: «Basta così». Schettino ha quindi interrotto il suo discorso ed è stato abbracciato dai suoi legali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    11 Febbraio 2015 - 17:05

    Ora piange? Doveva pensarci prima di disertare.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    11 Febbraio 2015 - 17:05

    pensa alle vittime di un inchino!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • guido.blarzino

    11 Febbraio 2015 - 17:05

    Schettino è un cocardo e non ci piove. Ma scaricare tutta la colpa su Schettino è come le Ferrovie quando scaricano le colpe sui macchinisti morti.IL capo dell'unità di crisi Ferrarini ha patteggiato 2 anni e 10 mesi insieme all'ufficiale di plancia Ambrosio e al timoniere Rusli Bin. Su 1023 persone d'equipaggio ben 331 non avevano alcuna abilitazione. Accertato dal Tribunale di Grosseto Allora?

    Report

    Rispondi

  • Andi50

    11 Febbraio 2015 - 16:04

    Un Comandante lascia la nave sempre per ultimo, se non lo fa e muoiono persone va condannato e basta. Cambi nazionalità, gli pago le spese.

    Report

    Rispondi

    • highlander5649

      11 Febbraio 2015 - 19:07

      ma andi è più economico mandarlo via a calci nel sedere , se ha la coscienza sporca adesso ha tempo 26 anni e piùm per pulirsela giorno dopo giorno. se non decide di farla finita prima sai certi personaggi non sono avbituati alla privazione della libertà di farsi i cavoli propri a spese e danni altrui!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog