Cerca

Papa emerito

La nuova vita monastica di Benedetto XVI: suona Mozart e studia

La nuova  vita monastica di Benedetto XVI: suona Mozart e studia

Benedetto XVI è convinto che la decisione di dimettersi presa nel 2013 sia quella giusta, non ne dubita. È serenissimo e certo di questo: la sua decisione era necessaria. Lo dice l’arcivescovo Georg Ganswein, in un’intervista al Corriere della Sera, a due anni dall'annuncio della rinuncia al pontificato, spiegando come le ragioni della decisione sono nella sua declaratio. Lo storico segretario particolare del Papa emerito sottolinea come le dimissioni furono un grandissimo atto di governo della Chiesa. Negli allarmi sulla sua salute, risponde, "c’è molta malafede. "Benedetto XVI è un uomo di quasi 88 anni, com'è normale per la sua età ogni tanto le gambe gli danno qualche problema, tutto qui. Ha il suo ritmo giornaliero, è molto metodico. E la testa funziona benissimo, la sua mente è formidabile". Ganswein ne racconta la giornata-tipo: "Comincia con la santa Messa la mattina, come sempre, solo un po' più tardi di prima, alle 7.45. Poi il ringraziamento, il breviario, una breve colazione. Durante la mattinata prega, legge, studia, sbriga la corrispondenza e talvolta riceve delle visite, poi le passeggiate verso la grotta di Lourdes ai Giardini Vaticani e il rosario. Alla sera vediamo un telegiornale italiano e ogni tanto suona il pianoforte, nelle ultime settimane più spesso, Mozart soprattutto"."Ha scelto, conclude, una vita monastica. Esce solo quando glielo chiede Papa Francesco, per il resto non accetta altri inviti"

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fossog

    12 Febbraio 2015 - 14:02

    l'articolo non lo leggo, non mi interessa la persona. Quel che mi dà Enorme Fastidio invece è che questo Prete, al pari di tanti altri come lui, VIVA alle Spalle delle Sovvenzioni dello Stato Italiano, alle spalle delle Tasse del Popolo Italiano Regalate a ufo ad uno ''STATO STRANIERO''. Non Voglio il Vaticano SU SUOLO ITALIANO e NON Voglio Pagarlo con le mie Tasse .... Punto.

    Report

    Rispondi

    • gabryvi

      12 Febbraio 2015 - 19:07

      Bè, ha insegnato in prestigiose università per una vita e ha scritto centinaia di libri (venduti, letti e ristampati a livello internazionale), avrà pur versato contributi e tasse! Se vivesse anche solo dei diritti d'autore, potrebbe comprarsi il Vaticano!

      Report

      Rispondi

  • lonato47

    12 Febbraio 2015 - 14:02

    Ci manca la consueta cazzata di Socci sul Papa illegittimo, comunista, ecc.

    Report

    Rispondi

blog