Cerca

Sei gradi di giudizio

Diciotto magistrati per un piccione ucciso

Diciotto magistrati per un piccione ucciso

Diciotto magistrati, sei gradi di giudizio e cinque anni si sono sprecati per un piccione ucciso. Un paradosso della giustizia italiana riportata dal Corriere della Sera. Tutto comincia il 6 giugno del 2010 quando un avvocato cinquantenne con un fucile ad aria compressa centra un piccione sparando dal balcone di casa nella zona est di Milano. I vicini di casa chiamano i carabinieri perché ritengono che il legale da anni spari agli uccelli.

L'avvocato, che al momento dello sparo viene trovato in stato di ebbrezza sostiene di aver sparato al piccione perché suo figlio "era entrato in coma proprio a causa di uno di questi volatili". L'accusa formulata dal pm della Procura al gip Bruno Giordano è uccisione di animali con crudeltà e getto pericoloso di cose (ovvero il proiettile) in luogo privato di uso altrui e l'uomo viene condannato a 8mila euro di multa. L'avvocato non è d'accordo e chiede di essere giudicato con il rito abbreviato. Passano due anni e il giudice Andrea Ghinetti lo condanna a un mese e venti giorni di arresto con la condizionale. A quel punto l'uomo ricorre in Appello. Ma il giudice conferma la condanna. E si va in Cassazione. Dopo sedici mesi gli ermellini confermano ancora la condanna, ma solo per l'uccisione del piccione non per il "getto pericoloso". Cosi si torna in Appello. E si riconferma tutto. A giugno 2015 scatterà la prescrizione. Resta la condanna definitiva per il primo reato sempre che un magistrato dell'esecuzione abbia tempo da dedicare a un piccione e al sui uccisore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sebin6

    13 Luglio 2015 - 12:12

    i magistrati applicano le leggi fatte dai politici; 3 gradi di giudizio per arrivare alla prescrizione, sembra fatto apposta da politici ladri per rubare con tranquillità e impunità, vera goduria anche per le migliaia e migliaia di avvocati che abbiamo in italia.

    Report

    Rispondi

  • deltabravo

    14 Febbraio 2015 - 10:10

    Cacciatore 1 anno senza condizionale e processo penale con tutti i derivati x un uccellino proibito di transito costo processo 1800 euro+avvocati e balle cartacee se trovi ad andare in cassazione ti si triplica il tutto e questo x un uccellino chi ferisce 2 carabinieri è già fuori chi fa due foto a gay 14 anni di carcere duro chi invece sta rovinando l'Italia ed il popolo italiano cosa gli danno?

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    13 Febbraio 2015 - 13:01

    Un paese che rispetta il piccione cioè l uccello, è un paese civile; la prova è che ha coinvolto 18 magistrati per quasi 20 anni di costante lavoro, notti insonni, ore straordinarie, consulenti eccc.... tutto dedicato all'uccello.

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    13 Febbraio 2015 - 13:01

    ora capisco perché giustamente i magistrati denunciano la mancanza di personale ed i processi durano 20 anni per poi finire in prescrizione, a parte gli stipendi d oro pagati dai contribuenti e le montagne di carta e chiacchiere sprecate, bah

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog